Politica / Regione

Commenta Stampa

Metrò del Mare, da domani il via ai servizi


Metrò del Mare, da domani il via ai servizi
30/06/2011, 17:06

Partirà domani, I luglio, il servizio di mobilità via mare messo in campo dall'Assessorato al Turismo della Regione Campania, per l'estate 2011 e che rientra nel progetto di promozione turistica “Terre d'aMare” che proseguirà fino al prossimo 31 agosto.

Il servizio, che verrà svolto dalla società “Metrò del Mare”, prevede l'attivazione di tre linee di mobilità marittima:

La linea Cilentana (Salerno – Agropoli – S. Marco di Castellabate – Acciaroli – Casalvelino – Palinuro) - durata: 18 giorni – ogni sabato e domenica.
La linea Golfo di Salerno (Salerno – S. Marco di Castellabate – Agropoli – Positano – Amalfi) -durata: 44 giorni – ogni lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì .
La linea Sapri – Capri – Napoli (Sapri – Palinuro – Casalvelino – Acciaroli – S.Marco – Capri – Napoli Beverello) durata: 62 giorni consecutivi (partenze giornaliere).

Per domani, dunque, è prevista la partenza della linea del Golfo di Salerno (partenza da Salerno alle ore 8,05 e arrivo ad Amalfi alle ore 11,25. Partenza da Amalfi alle ore 16,30 e arrivo a Salerno alle ore 19,25) e la partenza della linea Sapri – Capri – Napoli (partenza da Sapri alle ore 7,10 e arrivo a Napoli alle ore 11.40. Partenza da Napoli alle ore 16,30 e arrivo a Sapri alle ore 21).

Per sabato, 2 luglio, è invece prevista la prima partenza della linea Cilentana (partenza da Salerno alle ore 8,00 e arrivo a Palinuro alle ore 10,30. Partenza da Palinuro alle ore 17,00 e arrivo a Salerno alle ore 19,20).

La seconda linea di intervento del progetto “Terre d'aMare”, che affianca, integra ed arricchisce quella della mobilità marittima, consiste nella proposta di dodici itinerari tematici di qualità, che, partendo da uno dei porti di arrivo, attraversano i grandi attrattori culturali in un percorso che tocca i siti archeologici, le eccellenze naturalistiche e architettoniche delle aree interessate dal servizio di mobilità marittima, creando così un pacchetto unico ed organico di promozione turistica ed una rete di servizi sul territorio che spazia dal trasporto alla fruizione in termini turistici dei luoghi.
“Il servizio di mobilità via mare che come assessorato al Turismo abbiamo progettato e ideato – commenta il vice presidente della giunta regionale della Campania con delega al Turismo, Giuseppe De Mita – risponde ad un'esigenza alla quale abbiamo riconosciuto rilevanza e valore. Il nuovo servizio ha, a differenza degli anni scorsi, una valenza esclusivamente e specificamente turistica e va ad arricchire l'offerta regionale rispetto a zone costiere che rappresentano vere eccellenze della Campania, da un lato la fascia del Cilento e la costiera amalfitana e dall'altro l'area partenopea e l'isola di Capri. In aggiunta si offriranno ai turisti possibilità di scegliere tra dodici itinerari che integrano il progetto e arricchiscono l'offerta complessiva, facendo dialogare le zone costiere con l'entroterra e dando vita ad una iniziativa di promozione turistica di grande interesse. Per la prima volta questo servizio viene svolto direttamente dall'Assessorato al Turismo avendone appunto colto la rilevanza turistica e avendo aggiunto al servizio di trasporto iniziative di valorizzazione e promozione territoriale”.

L'assessorato ai Trasporti e alle Attività produttive della Regione Campania ha, inoltre, autorizzato la società “Metrò del Mare” a effettuare dal 1° luglio al 15 settembre 2011 i seguenti servizi di collegamento marittimo “residuali” (ossia non considerati “minimi”):

Tali servizi – a costo zero per la Regione Campania – si aggiungono a quelli di mobilità turistica che sono stati assegnati tramite gara nell'ambito del progetto “Terre d'aMare”.

“La nuova programmazione del metrò del mare che abbiamo attuato quest'anno in collaborazione con l'assessorato al Turismo – spiega l'assessore ai Trasporti e alle Attività produttive della Regione Campania, Sergio Vetrella – conferma quanto da me affermato sulla possibilità di risparmiare i 4,5 milioni di euro l'anno che la vecchia giunta aveva destinato a questi servizi, e che abbiamo così potuto recuperare per il potenziamento dei collegamenti minimi, ossia quelli necessari a garantire la continuità territoriale e la mobilità di pendolari, lavoratori e studenti; il tutto è stato realizzato concentrando i collegamenti nei mesi di luglio e agosto e nella prima metà di settembre, tagliando i periodi a bassa affluenza e le linee inutili, convertendo servizi pagati nel passato in servizi residuali e quindi a costo zero, e integrando con la partecipazione dell'assessorato al Turismo il quadro dei servizi a disposizione, in particolare per il Cilento. Anche in questo caso, quindi, abbiamo operato per ottenere ulteriori risparmi per la Regione e dunque per i soldi dei cittadini campani contribuenti, riducendo gli sprechi e ottimizzando le risorse disponibili e l'utilità dei servizi offerti”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©