Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Ministro a Caserta per il nono comitato interforze

Microcriminalità, Maroni: “Sindaci collaborino col Viminale"


.

Microcriminalità, Maroni: “Sindaci collaborino col Viminale'
15/07/2010, 12:07

CASERTA - Per debellare il fenomeno della microcriminalità, c’è bisogno dell’aiuto da parte dei sindaci. E’ quanto sostenuto dal ministro dell’Interno Roberto Maroni, durante il nono appuntamento del comitato interforze a Caserta. Maroni, ricordando che lo Stato non ha dimenticato la microcriminalità, ha sottolineato che saranno potenziati poliziotti di quartiere e videosorveglianze anche con i fondi generati dai beni sequestrati alla criminalità organizzata che, allo scorso 30 giugno, ammontano a 30 miliardi di euro. "I reati legati alla microcriminalità hanno avuto una riduzione nel 2009 rispetto al 2008 e si è riscontrato un calo anche nei primi mesi del 2010, - ha detto, - Non abbiamo dimenticato il contrasto a questo tipo di reati e non abbiamo trascurato questo altro aspetto della lotta al crimine. Se la camorra, la 'ndrangheta e la mafia, rappresentano il cancro, esistono poi anche i raffreddori".
Perché gli interventi siano concreti, però, c’è bisogno di un aiuto da parte dei sindaci. Le Istituzioni locali, ha spiegato il ministro dell’Interno, possono fare tanto per risolvere capillarmente il problema. L’esempio portato è quello di Massimo Cacciari, sindaco di Venezia, “non certo della Lega”, che “ha emanato un'ordinanza secondo la quale non era possibile trasportare sacchi pieni di merce. In molte città queste ordinanze hanno dato risultati, dove questo non è accaduto chiedete ai sindaci”.
Riferendosi poi ai volontari della sicurezza Maroni ha fatto l'esempio di persone con la pettorina che, se circolano nei parchi pubblici, possono essere da deterrente per alcuni reati come le violenze sulle donne. "Mi auguro che ad un anno esatto dal decreto che istituisce le ronde - ha spiegato Maroni - le obiezioni tutte ideologiche possano sciogliersi con il caldo dell'estate e i sindaci possano valutare più laicamente - ha proseguito - l'opportunità che è stata loro data. Dove ci sono i volontari della sicurezza alcuni reati sono diminuiti".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©