Politica / Napoli

Commenta Stampa

Migranti, De Magistris invia Panini a Malta -video

E regala manuale di diritto a Di Maio, Salvini e Toninelli

.

Migranti, De Magistris invia Panini a Malta -video
09/01/2019, 12:19

NAPOLI - Il vicesindaco di Napoli Enrico Panini si trova a Malta dove ha portato, a nome del sindaco de Magistris e dell'Amministrazione, "la solidarietà ai migranti in balia del mare dal 22 dicembre, ma anche per avere un colloquio col comandante e con l'equipaggio della nave Sea Watch, nonché per prendere contatti e avere incontri con le autorità locali di Malta”.

“Anche oggi - spiega de Magistris -  ho inviato una importante missiva al comandante della nave; il vicesindaco e segretario nazionale di DemA, Enrico Panini, si è recato lì per cercare di favorire la soluzione più rapida possibile per la grave situazione umanitaria che riguarda persone fragili, bambini e donne. Inoltre l'amministrazione comunale, grazie al lavoro dell'assessore Marmorale e degli altri assessori coinvolti, è già pronta ad ospitare i migranti a Napoli, nel momento in cui si dovesse sbloccare la situazione”.

Intanto, un compendio sul diritto alla navigazione in regalo ai vicepremier Matteo Salvini e Luigi di Maio e al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli: è l'ultima iniziativa del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, che in questi giorni si è più volte dichiarato disponibile ad accogliere la nave Sea Watch nel porto di Napoli. In un video pubblicato su Youtube, de Magistris viene ripreso mentre si reca in una libreria in via Mezzocannone: qui il sindaco acquista tre volumi di un compendio di diritto alla navigazione."Ne voglio fare omaggio ai ministri Di Maio, Salvini e Toninelli - spiega de Magistris nel video - con rispetto e nello spirito del confronto giuridico, con la speranza che, quando si affermano postulati giuridici, essi siano fondati sul diritto e non solamente sulla declaratoria politica. Legittima, ma la politica è una cosa e il diritto è un altro. Finora, fino a prova contraria, i posti sono aperti e, soprattutto, nei trattati di diritto internazionale, nelle convenzioni internazionali e nelle costituzioni del mondo c'è scritto che se le persone si trovano in mezzo al mare, vanno salvate, a maggior ragione se sono vittime e se sono donne, bambini e persone fragili”, conclude de Magistris.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©