Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Troncone Sogei: il parlamentare indagato a Roma

Milanese: nuova tegola giudiziaria in casa Pdl

Domani in Giunta per le Autorizzazioni a procedere

Milanese: nuova tegola giudiziaria in casa Pdl
26/07/2011, 12:07

ROMA – Una nuova tegola giudiziaria si abbatte in casa Pdl e in particolare sulla testa del parlamentare, ed ex consulente politico di Giulio Tremonti, Marco Milanese. Nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte irregolarità legate agli appalti della Sogei, la società generale di informatica controllata dal ministero dell’Economia, per Milanese è scattata l’iscrizione nel registro degli indagati a Roma.
Si tratta di uno dei filoni nati dall’indagine sulla cosiddetta P4, avviato dalla magistratura del capoluogo partenopeo e trasferito a Roma per competenza territoriale. Il fascicolo processuale, infatti, giunto da Napoli è stato analizzato dal procuratore Giovanni Ferrara, che terminato l’esame del carteggio ha iscritto nel registro degli indagati gli stessi nominativi già sottoposti ad accertamenti a Napoli. Nel caso specifico, Milanese, e gli altri, sono stati iscritti per ipotesi che vanno dalla corruzione al finanziamento illecito dei partiti.
Si gioca molto il pidiellino Milanese. L’appuntamento è per domani mattina a Montecitorio, con la Giunta per le Autorizzazioni a procedere: Milanese, infatti, dovrà convincere i suoi colleghi parlamentari che le accuse a lui rivolte sono “inesistenti” e che è “perseguitato” dalla magistratura napoletana. Ed è proprio a questo che sta lavorando il parlamentare in queste ore, mettere a punto una dettagliata e puntigliosa memoria difensiva che toccherà tutti i tronconi dell’inchiesta, riassunti nella lunga richiesta di autorizzazione all’arresto.
Accanimento della magistratura napoletana o no, sta di fatto che quella romana, intanto, ieri lo ha iscritto sul registro degli indagati per corruzione e finanziamento illecito ai partiti, per gli appalti Sogei, la partecipata dal Tesoro che negli anni ha garantito a trattativa privata appalti (per 25 milioni di euro) a quella Edil Ars, di Angelo Proietti, che gratis ha fatto i lavori di ristrutturazione dell’appartamento di via Campo Marzio, dove fino a due settimane fa ha abitato il ministro dell’Economia Giulio Tremonti.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©