Politica / Regione

Commenta Stampa

Il primo cittadino: "Un atto dovuto"

Milano, Pisapia revoca il Cda di Atm


Milano, Pisapia revoca il Cda di Atm
29/07/2011, 20:07

MILANO – Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia ha revocato il Consiglio di Amministrazione di Atm, l'azienda di trasporti milanesi presieduta da Elio Catania. La decisione, è stata comunicata durante la seduta di Giunta e rientra nelle facoltà del primo cittadino di revocare le nomine su base fiduciaria nei primi 180 giorni di mandato.

“Si tratta di un atto dovuto – ha sottolineato Pisapia - considerando l’atteggiamento dell’azienda negli ultimi anni. Non  c’è possibilità di rapporto fiduciario, per quanto riguarda incarichi e stipendi, si contravviene a quei principi di sobrietà su cui voglio operare”. Per la fascia tricolore milanese, alcune scelte effettuate dagli amministratori, in passato e che sono continuate in questi due mesi, sono chiaramente classificabili come sprechi e privilegi. “Quanto accaduto oggi – ha ribadito il sindaco - rientra in una scelta strategica della nuova Giunta e vuole essere il segnale di una nuova fase, di una vera e propria svolta”.

E sull’atteggiamento da parte dei componenti del Cda (Giuseppe Frattini, Piero Ramponi, Francesco Tofoni, Dario Cassinelli), Pisapia ha chiaramente affermato che da loro si sarebbe aspettato un passo indietro, così come anche dallo stesso Catania. “Nei due mesi dal suo insediamento – ha detto il primo cittadino riferendosi all’ormai ex presidente del’Atm milanese -  non abbiamo avuto nessun segnale che ponesse fine a un malcostume per noi inaccettabile, anzi, si è anche difeso in alcuni interventi pubblici".

Non è mancato, poi, il riferimento all'episodio che ha visto, nel corso della campagna elettorale, risorse dell'azienda coinvolte in modo esplicito e senza interventi di censura da parte del presidente, del Cda o dei vertici aziendali, nella regia della campagna elettorale di chi, azionista, concorreva alla carica di sindaco della città, ovvero l'ex primo cittadino Letizia Moratti. Nei prossimi giorni verrà pubblicato un bando, con scadenza il 15 di settembre, per individuare i futuri membri del Cda che avranno il compito di decidere su Catania in qualità di dg di Atm.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©