Politica / Regione

Commenta Stampa

Senza più distinzione tra sposati e non sposati, gay e etero

Milano: tra un anno pronto il registro delle coppie di fatto


Milano: tra un anno pronto il registro delle coppie di fatto
01/11/2011, 12:11

MILANO - Il nuovo Consiglio Comunale di MIlano si appresta a toccare uno dei punti più delicati della situazione politica attuale: le coppie di fatto. Con un registro, che dovrebbe vedere la luce tra un anno, per tutte le coppie di fatto che intendano farlo. Naturalmente si parla di coppie di qualsiasi tipo: non sposati ma conviventi, coppie eterosessuali ed omosessuali; persino quelle formate da fratelli e sorelle che convivono. Lo scopo è ottenere una maggiore parità nei bandi per i servizi pubblici come asili, dove attualmente le coppie sposate hanno una posizione di vantaggio.
Il percorso non è breve. SI inizierà con le audizioni nelle commissioni competenti delle associazioni del mondo gay e transgender, per limare la norma che dovrà portare alla creazione del registro. Per questo è stato stimato un anno di tempo per portare a compimento il percorso.
Sulla vicenda, il sindaco Giuliano Pisapia ha annunciato che cercherà di dare un contributo extra: alla Giornata mondiale delle Famiglie, che si terrà nell'estate del 2012, chiederà udienza al Papa per parlare delle coppie di fatto, per indicare la famiglia "come nucleo affettivo".
Ovviamente, c'è il forte no da parte della Lega e del Pdl, che invece si battono per mantenere le discriminazioni a favore delle famiglie sposate.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©