Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Nessun accordo tra maggioranza ed opposizione

Milleproroghe nel caos, verrà posta la fiducia

Molto probabilmente tornerà al Senato

Milleproroghe nel caos, verrà posta la fiducia
23/02/2011, 16:02

ROMA - Nessun accordo tra maggioranza e opposizione, sul decreto Milleproroghe. Il Comitato dei 18, incaricato di riscrivere il testo, non è riuscito ad accordarsi su cosa modificare, in quanto i punti proposti dal Ministro delle Finanze Giulio Tremonti come quelli da modificare, sono stati giudicati insufficienti dall'opposizione, che voleva tornare al testo originale del decreto legge, quello firmato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
E così si spiana la strada all'apposizione della fiducia da parte della maggioranza: un maxiemendamento per correggere il testo nelle parti volute e poi apposizione della fiducia. Ma bisogna fare presto: se il testo sarà modificato, dovrà essere riportato al Senato (dove a questo punto sarà necessaria un'altra approvazione con la fiducia) e votato entro il 27 febbraio, data ultima per la conversione in legge del decreto legge. Il tutto, naturalmente, supponendo che Napolitano non mantenga l'impegno preso. Infatti aveva detto che la legge era incostituzionale; inoltre, approvarla con la fiducia toglieva ogni diritto al Parlamento. Accetterà di firmare una legge egualmente incostituzionale e approvata con altre due fiducie?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©