Politica / Regione

Commenta Stampa

Minacce a Mastella e Cosentino: la solidarietà del mondo politico


Minacce a Mastella e Cosentino: la solidarietà del mondo politico
04/06/2010, 16:06

“Le minacce rivolte oggi all’onorevole Mastella e alla sua famiglia, all’onorevole Nicola Cosentino, al Presidente Stefano Caldoro e all’assessore Severino Nappi, ai quali esprimo la piena solidarietà e vicinanza dell’intera assemblea legislativa campana, sono un atto di inaccettabile viltà al quale, sono certo, si saprà rispondere con la dovuta fermezza e rigore.
Così il Presidente del Consiglio Regionale della Campania onorevole Paolo Romano appresa la notizia della lettera minatoria recapitata al leader dei Popolari Udeur, Clemente Mastella nella quale sono contenute minacce di morte anche per il Sottosegretario all’Economia Nicola Cosentino, al Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro e per l’Assessore regionale Severino Nappi.
“Mai come in questo momento, momento in cui lo Stato e tutte le istituzioni stanno facendo sentire con sempre maggiore decisione il loro forte impegno contro ogni forma di violenza e sopruso, - ha aggiunto il presidente Romano - è necessario mantenere alta la guardia e rilanciare la tensione morale dei principi della democrazia e della libertà. Mai come in questo momento, la politica deve saper testimoniare, ancora una volta, l’assoluta indisponibilità a piegarsi nei confronti di chi teorizza e pratica i più rovinosi principi antidemocratici”.

“La campagna di intimidazioni e minacce che continua a prendere di mira amministratori e dirigenti del Pdl della Campania, ci lascia sconcertati e preoccupati”. Lo afferma il coordinatore vicario del Pdl napoletano, Maurizio Iapicca, che aggiunge: “A rendere ancora più incandescente il clima arrivano adesso anche le minacce delle redivive Brigate Rosse contro il coordinatore del partito, Nicola Cosentino, e il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro”.
“Fermo restando la ferma condanna dell’episodio e la solidarietà alle persone che sono state oggetto delle intimidazioni, resta il fatto – aggiunge Iapicca – che avvertimenti e minacce non fermeranno l’azione di rinnovamento della vita politica e amministrativa intrapresa dal Governo Berlusconi. Anche se a provocare sono oggi vecchi fantasmi che credevamo fossero stati sepolti dalla storia”.
“Ma al di là di tutto – conclude Iapicca – resta la necessità di tenere alta la guardia e di far quadrato intorno ai valori della democrazia e agli uomini che li rappresentano”.

“Le vili minacce nei confronti del Presidente della Giunta Regionale della Campania Stefano Caldoro, dell’Assessore al lavoro Severino Nappi e degli onorevoli Nicola Cosentino e Alessandrina Lonardo e che seguono quelle degli ultimi giorni al Presidente della I Municipalità del Comune di Napoli Fabio Chiosi, ci fanno capire che il centro-destra ha intrapreso la strada giusta per la ripresa della Campania”. È quanto ha affermato il Consigliere Regionale dell’Mpa Angelo Marino.
Marino ha continuato: “faremo fronte comune e non solo solidarietà a parole contro tutti coloro che credono che una busta con qualche proiettile possa far desistere un’intera classe dirigenziale, dal mettere in atto un’azione di moralizzazione e di rinnovamento della nostra Regione”.
Pertanto, ha concluso Marino: “invito i colleghi Consiglieri Regionali a manifestare in piazza, come risposta concreta a queste vili intimidazioni”. 

«La storia insegna che nei momenti di crisi ci sono sempre gruppi che, attraverso l’eversione, provano a mettere in crisi gli assetti istituzionali e democratici» lo afferma il consigliere regionale del PD Antonio Amato «chi come me ha vissuto la tristissima stagione del terrorismo sa bene quanto già i primi segnali possano essere preoccupanti. Non bisogna allora sottovalutare quanto accaduto. La solidarietà a quanti sono stati oggetto di questo atto ignominioso si deve sostanziare in una presa di posizione unitaria di tutte le forze politiche che, al di là delle appartenenze, devono fare fronte comune contro ogni forma, anche embrionale, di riemergere di un preoccupante passato. Proporrò allora al PD, principale gruppo di opposizione, di farsi promotore in consiglio regionale di un documento che esprima solidarietà agli esponenti politici oggetto di queste minacce, ma riaffermi anche un patto comune di tutte le forze politiche contro ogni nuova forma di eversione democratica» 

“Andremo avanti con un impegno sempre maggiore, nel solco del programma tracciato assieme agli elettori della Campania nel marzo scorso. È questa la migliore lezione di democrazia che si possa dare a chi con vile supponenza immagina, a torto, di poter incidere a suon di minacce sulla vita democratica delle istituzioni”. Lo ha affermato il coordinatore regionale vicario del Pdl della Campania Mario Landolfi, che ha aggiunto: “Auspico che i responsabili della lettera minatoria inviata oggi a Mastella, Cosentino, Caldoro e Nappi - ai quali esprimo sincera solidarietà - possano essere immediatamente individuati e consegnati alla giustizia. Così come mi aspetto il coro unanime di condanna di un gesto che, mortificando i valori della democrazia e della libertà, non posso che definire vile e ignobile”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©