Politica / Regione

Commenta Stampa

Ministro Romano: “ci stiamo occupando del problema indebitamento contributivo agricoltori ”


Ministro Romano: “ci stiamo occupando del problema indebitamento contributivo agricoltori ”
08/06/2011, 15:06

"Il ministro è dalla vostra parte, come da quella di tutti gli agricoltori italiani, e verrò a trovarvi a luglio perché prima voglio portare a casa dei risultati per il vostro settore." Così il Ministro delle politiche agricole alimentarie e forestali ha salutato i pastori sardi che presidiavano il MIPAAF dopo averne incontrato una delegazione nel Salone dell’Agricoltura del Ministero. Otre al Movimento dei Pastori Sardi erano presenti il Movimento dei Forconi e i Comitati Spontanei e le delegazioni provenivano da diverse regioni italiane.
“Ho avuto modo di ascoltare le loro istanze, molte delle quali assolutamente condivisibili. In particolare il problema del debito che molte aziende agricole, non solo sarde o siciliane, hanno nei confronti dell’INPS. Si tratta di debiti contributivi - ha detto il Ministro commentando l’incontro con i giornalisti - che dobbiamo trovare il modo di far spalmare nel tempo. Per questo ho avuto una serie di incontri con tutti le istituzioni interessate innanzitutto per comprendere la situazione ma anche per individuare una soluzione”.
Mi sono state presentate inoltre mi sono state presentate altre criticità del comparto sia lattiero-caserio che agricolo, il problema della sburocratizzazione di alcune procedure, la pressione fiscale e la lunghezza della filiera che penalizza sempre di più i produttori”.
“Il comparto ovicaprino sardo si trova a dover affrontare una crisi congiunturale nell’ambito di una crisi strutturale più ampia. Per questo non è di facile soluzione e i rimedi non devono essere tamponi che ci riproporrebbero la stessa situazione da qui a breve. Già alcune cose le abbiamo fatte – ha concluso il Ministro - come lo sblocco di 11 milioni di Euro per la Sicilia e 4,5 per la Sardegna dei fondi PSR avvenuto giusto il mese scorso”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©