Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Ministro Romano: “promozione e informazione su produzione agricola”


Ministro Romano: “promozione e informazione su produzione agricola”
13/09/2011, 13:09

“Le politiche di promozione sono una leva indispensabile per la competitività e la crescita economica dell’agricoltura europea nel contesto di un mercato sempre più globalizzato. Credo, tuttavia, che senza strumenti efficaci per attuare le politiche di informazione e promozione, sia sul mercato interno che internazionale, rischiamo di non raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati.”
Con queste parole il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano è intervenuto durante la sessione del consiglio informale dei ministri dell’ agricoltura in corso a Wroclaw in Polonia.

“Per questo è necessario che la normativa comunitaria sia adeguata alle esigenze dei produttori ed in linea con l’evoluzione dei mercati. Le politiche di promozione e di comunicazione devono anche poter intervenire rapidamente nel caso di crisi congiunturali.
Gli eventi recenti ci hanno dimostrato che dobbiamo essere in grado di arginare gli effetti devastanti che improvvise crisi di mercato determinano sui consumi dei prodotti e sui redditi delle imprese agricole anche con idonei mezzi di comunicazione e di promozione.
Naturalmente una tale politica di comunicazione e promozione non può prescindere da una dotazione finanziaria adeguata. Al riguardo vorrei ribadire – ha proseguito il Ministro - che considero insufficiente l’ammontare delle risorse attualmente destinate alla promozione.”

“Credo sia necessario prevedere una procedura d’urgenza, da attuare in presenza di situazioni eccezionali. Pensiamo al caso recente dell’emergenza Escherichia coli. La crisi è scoppiata nel giugno scorso. La Commissione ha fatto un provvedimento di deroga per la presentazione di programmi entro il 16 agosto, ma in sostanza i programmi in questione saranno approvati nell’autunno inoltrato e le azioni di promozione si svolgeranno solo nel prossimo anno. Si tratta di un esito del tutto insoddisfacente, perché in presenza di una crisi la nostra reazione deve essere molto più rapida. Per questo nel regolamento bisogna prevedere una procedura d’urgenza.”

“Quanto alla ripartizione del finanziamento dell’Unione tra lo Stato membro e l’organismo proponente credo sia adeguata, invece le azioni di promozione dovrebbero essere maggiormente mirate e differenziate a seconda del tipo di filiera e di mercato. Per i prodotti locali e le filiere corte – ha proseguito il Ministro - è necessaria una maggiore integrazione e sinergia tra le attività previste nello sviluppo rurale e le norme del regolamento sulla promozione.”
“Bisogna rafforzare le azioni di informazione nei confronti dei consumatori sui prodotti e sul modello di produzione europeo. Anche i prodotti – ha concluso Romano - di qualità non risultano sufficientemente conosciuti e il loro valore non è ben compreso dai consumatori europei e per questo andrebbero incrementate azioni specifiche anche per queste produzioni.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©