Politica / Politica

Commenta Stampa

"Non ne ho bisogno, sono senatore a vita"

Monti alla Cnn: "Non mi ricandido"

"Berlusconi? E' suo diritto ricandidarsi"

Monti alla Cnn: 'Non mi ricandido'
26/09/2012, 10:47

Intervistato dalla Cnn, Mario Monti conferma che non si ricandiderà alle prossime elezioni politiche. “Non ne ho bisogno – ha detto – visto che il presidente Napolitano mi ha nominato senatore a vita”.  "Penso che in Italia sia importante che riprenda la vita politica con maggiore senso di responsabilità e maturità".

E ancora, Monti ha osservato: "Non so se Berlusconi si candiderà come premier alle prossime elezioni. E' fra i suoi diritti". Monti ha ricordato che il Pdl e' una delle forze politiche che sostiene il suo Governo.

“Di fronte alle dolorose riforme imposte dal governo in questi mesi - ha poi detto il premier passando ai temi economici - gli italiani hanno mostrato un alto senso di responsabilità”.

"Voglio prendere in prestito - ha osservato il premier - un'espressione usata dal presidente Barack Obama nel suo discorso all'Assemblea Generale dell'Onu. Quando parlava al mondo arabo, dopo la primavera araba, Obama ha sollecitato riforme dolorose. Ebbene - ha proseguito il premier - questo corrisponde esattamente alle riforme necessarie nel nostro Paese. Ma sono felice di dire che, anche se il popolo italiano e' stata sottoposto, da parte del governo che guido, a una richiesta senza precedenti di sacrifici, di disciplina, a una richiesta di eliminare privilegi e rendite, finora si e' comportato in modo molto responsabile, come se capisca esattamente che questo riguarda le prospettive del suo futuro e dei loro figli".

Monti ha ribadito che l'Italia non fara' ricorso a misure di salvataggio per superare la crisi e comunque, qualora fosse necessario, questo non rappresenterebbe una cessione di sovranita'. "Credo che non avremo bisogno di fare ricorso ai meccanismi di salvataggio messi in piedi in Europa; ma se ci fossimo costretti, credo che avverra' in modo tale che non sara' una cessione di sovranita', come avvenuto in Grecia, Irlanda e Portogallo. Credo in sostanza che l'Italia continuera' a comportarsi responsabilmente, di piu' di quanto gli sia riconosciuto a livello internazionale".

Quindi un accenno al ruolo chiave del governo di Berlino nel quadro europeo. La leadership della Germania e' preziosa soprattutto quando spiega alla propria opinione pubblica "le responsabilita' legate alla guida dell'Europa", ha sottolineato.

Monti ha spiegato che la guida dei 27 Paesi dell'Ue e' "collettiva, ma ovviamente - ha aggiunto - ci sono alcuni piu' potenti di altri, come la Germania. E la leadership della Germania e' ben accolta soprattutto quando talvolta i leader tedeschi sono in grado di spiegare all'opinione pubblica interna le responsabilita' legate alla guida dell'Europa".

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©