Politica / Politica

Commenta Stampa

Il premier dimissionario a Porta a Porta

Monti contro Berlusconi: 'E' come il pifferaio magico'

"Con Berlusconi ci sono cascato anch'io nel '94"

Monti contro Berlusconi: 'E' come il pifferaio magico'
14/01/2013, 19:50

''Guardiamo la coerenza nelle coalizioni. Nel centrodestra c'e' la Lega che vuole il 75% delle tasse al Nord e poi c'e' il Grande Sud che credo che voglia il contrario. C'e' la priorita' a presentare coalizioni per vincere le elezioni piuttosto che per governare'' Lo afferma Mario Monti ospite della puntata di 'Porta a Porta' che andra' in onda questa sera.

"Voglio che l'Imu venga ridotta, ma senza le giravolte che ho visto fare nel 2008 proprio in questo studio" riferendosi agli interventi sull'Ici che annuncio' e poi decise Silvio Berlusconi''Valutero' seriamente'' se togliere il redditometro, ''fosse stato per me non l'avrei messo''. E' una delle ''bombe a orologeria'' con le quali ''chi ci ha preceduto ha punteggiato il percorso di questo governo'' ha affermato il premier dimissionario.

La legge elettorale in vigore "non e' equa" e "il premio di maggioranza va oltre le esigenze di una governabilita' credibile". Una delle peggiori eredita' della scorsa legislatura e' stata l'incapacita' di modificare una legge elettorale battezzata con un nome che merita pienamente".

Dopo l'intervento all'inaugurazione di Porta Susa a Torino, ospite di 'Porta a Porta', il Professore torna ad attaccare il governo che lo ha preceduto. E si scaglia soprattutto contro le promesse fatte dal Cavaliere: ''Ricordano il Pifferaio di Hamlin che incanta i topini.... Che gli italiani possano credere a certe parole pronunciate da quella bocca mi fa venire in mente il pifferaio magico che porta i topini ad annegare''.

E ancora: ''Berlusconi e' uno che ha gia' illuso gli italiani tre volte. La prima vota mi sono fatto illudere anch'io, nel '94. I sacrifici chiesti agli italiani possono essere dissipati in tre mesi se arriva un nuovo illusionista o un vecchio illusionista ringalluzzito''. Il professore indica il Cav come ''principale responsabile dell'alto livello delle tasse oggi, perche' chi ha governato per otto degli ultimi undici anni deve pure avere qualche responsabilita'''. 

Monti riconosce il ''disagio'' di famiglie e imprese, ora e' il momento di ''cambiare il rapporto tra politica e cittadini'' e replica a Pierluigi Bersani sulla gestione dei conti pubblici: ''Non c'e' polvere sotto il tappeto''. Il senatore a vita assicura che la scelta di una manovra correttiva in primavera ''dipendera' da chi governera'''. ''Tutti gli accertamenti dell'Ue -spiega Monti - sono nel senso che il disavanzo strutturale nel 2013 sara' zero . Abbiamo avuto per l'Italia e questo governo il plauso dell'Ue. Siamo quelli in ordine''.


Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©