Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Domani tocca alle parti sociali

Monti: due giorni di incontri con partiti per “limare” la manovra


Monti: due giorni di incontri con partiti per “limare” la manovra
03/12/2011, 10:12

ROMA -  Due giorni di incontri, oggi e domani, per il capo del Governo, Mario Monti. Il premier incontrerà, Casini, Bersani e Alfano, attesi oggi a Palazzo Chigi. Domani tocca alle parti sociali.   Conto alla rovescia sulle misure anti-crisi , ieri, prima di salire al Colle per far conoscere la manovra al Capo dello Stato, il premier Mario Monti ha trascorso la giornata a Palazzo Chigi tra contatti con ministri e limature del decreto.
Monti probabilmente  alzerà il velo sulla manovra quando  illustrerà le linee-guida prima ai leader del Terzo Polo, poi al segretario del Pdl Angelino Alfano e poi in serata a quello del Pd Pier Luigi Bersani.
Un confronto al quale i partiti assicurano di arrivare senza paletti né condizionamenti per il governo ma nel quale ognuno metterà l’accento sulle proprie priorità: il Pd insisterà sulla necessità di equità, da tradurre in una patrimoniale, misura però non ben vista dal Pdl.
A tutti Monti ribadirà quello che da settimane va ripetendo ai suoi ministri, che l’azione del governo si muove su tre gambe: rigore, equità e crescita.
Filosofia da tradurre in cifre e, sarebbe il ragionamento del premier, i numeri sono indipendenti dai desideri delle varie forze politiche.
Ma il vero scoglio, prima dell’approvazione in consiglio dei ministri, sarà domani il faccia a faccia con le parti sociali che sulla riforma della previdenza annunciano le barricate.
Dopo che il consiglio dei ministri darà il via libera alla manovra, dalla fase della decisione Monti passerà a quella della comunicazione, anche per cercare di creare un consenso nell’opinione pubblica che agevoli l’iter dei provvedimenti in Parlamento. Il premier ha scelto  "Porta a Porta", il salotto televisivo preferito da sempre da presidenti del consiglio e leader di partito.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©