Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Monti: "Il 2013 sarà un anno in crescita"

Il premier rassicura: economia si riprenderà lentamente

Monti: 'Il 2013 sarà un anno in crescita'
24/09/2012, 10:19

Continua ad essere ottimista il presidente del Consiglio Mario Monti. Durante la presentazione del rapporto Ocse, il premier ribadisce: “Il 2013 sarà l’anno della crescita, anche se il motore dell’economia si avvierà lentamente”. Monti dichiara che l’Italia si è “tolta dalla lista dei paesi che rappresentavano un problema per la stabilità dell’area euro”, grazie “all’azione di questi mesi”. Dal canto loro gli italiano stanno dimostrando di “non essere ostili verso coloro che hanno fatto le riforme, poiché li abbiamo persuasi che le riforme sono nel loro interesse”. Per l’anno 2013 è previsto un -0,2% per il Pil e si tratta secondo Monti della “media dell’anno, ma nelle nostre previsioni l’andamento dell’economia sarà ascendente. L’azione realizzata in questi mesi produrrà nei prossimi 10 anni un aumento di 4 punti percentuali di Pil”. Il presidente del Consiglio ha ribadito di non essere intenzionato a ricandidarsi, ma ha evidenziato che “le riforme vanno iniziate nella fase uno, sarebbe troppo tardi iniziarle nella fase due e non si può abbandonare il rigore nelle fasi successive”. Sulla Fiat: “L’incontro è stato lungo. Non è stata chiesta cassa integrazione in deroga, non sono state chieste concessioni finanziarie e non sarebbero state accolte”. Ancora un appello alle parti sociali alle quali chiede: “di sapere guardare, come hanno fatto in tante fasi della vita italiana in modo coraggioso, guardando al tema della competitività come il tema al centro dei rinnovi contrattuali”. 

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©