Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Lo ha detto il professore ospite ad “Agorà”

Monti: in Italia c’è il rischio di una nuova Tangentopoli

E attacca il Pdl: se vincesse si tornerebbe indietro

Monti: in Italia c’è il rischio di una nuova Tangentopoli
15/02/2013, 09:45

ROMA - Il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha risposto ad “Agora'” su Rai 3  a  chi glia ha  chiesto se con gli arresti di questi giorni si può parlare di un ritorno di Tangentopoli  "Purtroppo si'",  ha detto: "L'evidenza - ha spiegato Monti - è molto simile ma la speranza è minore. Nel '92-93 c'era quella che veniva percepita come un'azione liberatoria: si pensava che l'azione della magistratura e la coscienza dei cittadini avrebbero portato alla fine del fenomeno. Invece l'azione della magistratura è andata avanti, la coscienza degli italiani e soprattutto politici si è molto seduta e siamo qui di nuovo".

"L'Italia - ha detto Monti -  è uno dei Paesi più importanti del mondo, anche se eravamo caduti nel ridicolo, con comportamenti che non rientrano nella prassi normale dei governanti pubblici".

E alla richiesta di specificare i comportamenti cui si riferisse, Monti risponde: "Non ho bisogno di citare espressioni diventate universalmente note", rievocando - sembra - il “bunga bunga”.

"Se vincesse il centrodestra l'Italia tornerebbe a rischio come nel novembre 2011 e si fermerebbero le riforme in grado di far crescere il Paese". ha detto Monti. "Se vincesse il Pd con Vendola, invece, i conti sarebbero più  al sicuro, ma non si proseguirebbe sulla strada delle riforme strutturali". 

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©