Politica / Politica

Commenta Stampa

"Mps non ha avuto i soldi dell'Imu, ma solo 2 miliardi"

Monti: "Noi siamo avversari della sinistra"


Monti: 'Noi siamo avversari della sinistra'
26/01/2013, 16:54

ROMA - Continua la campagna elettorale di Mario Monti contro i suoi competitor. Perchè, ha detto: "solo i centristi possono garantire un futuro di riforme al Paese". Poi ha spiegato il perchè del suo agire: "Perché mi sono convinto violando tutte le mie convinzioni precedenti, che fosse mio dovere cercare di muovere uno sforzo come questo? Perché ho visto i due grandi partiti che componevano la maggioranza, con quello più centrale, muoversi in direzioni già viste in passato. Ho visto il Pdl ricomporre un polo di destra con la Lega e il Pd ricomporre un polo con l'estrema sinistra e nessuno dei due poli così ricostituiti dà la garanzia di volere o di riuscire ad andare avanti con le riforme che servono per scrostare dall'Italia gli interessi corportivi e la mentalità per cui nessuno rappresenta i nostri interessi ci rifugiamo negli interessi particolari e difendiamo con i pugnali gli interessi della nostra categoria. Noi non siamo entrati in politica per andare al governo, sto facendo la cosa che più di altre allontana un mio futuro coinvolgimento nella vita pubblica, ma coglie l'unica possibilità utile per il Paese. Sarebbe un'usanza da vecchia politica dichiarare adesso le alleanze. Il nostro obiettivo è raccogliere i voti. Noi abbiamo una vocazione maggioritaria". 
Poi ha attaccato il centrosinistra, spiegando che "siamo elettoralmente avversari della sinistra, a maggior ragione della sinistra di Vendola, e ci preoccupa l'influenza della Cgil su Bersani". E ha aggiunto, sullo scandalo Mps: "Ho detto che le commistioni tra banche e politica sono molto pericolose sia in Italia che altrove - puntualizza - e che il Pd ha sempre avuto molta influenza su Siena e sulla fondazione, non facendo però alcuna considerazione specifica". 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©