Politica / Politica

Commenta Stampa

Monti: 'Non starò fermo'. Ipotesi quattro liste con il Centro


Monti: 'Non starò fermo'. Ipotesi quattro liste con il Centro
19/12/2012, 10:31

MONTI - “Non cadrò nella tentazione di stare fermo, di rimanere immobile nel mio scranno di senatore a vita nell'aspettativa o nella speranza di ricevere qualcosa". Più chiaro di così Mario Monti non poteva esserlo. Probabilmente il nodo di una sua probabile ricandidatura a premier si scioglierà a fine settimana, quando verranno sciolte anche le Camere e il presidente del Consiglio renderà ufficiali le sue dimissioni.

E pare già chiaro anche che il professore guarderà al Centro. Ha visto Franco Frattini e ha parlato con Luca Cordero di Montezemolo, che oggi incontrerà di persona. Insomma il premier avrebbe deciso di chiudere la porta in faccia a Silvio Berlusconi che gli aveva offerto di candidarsi insieme per costituire un largo fronte dei moderati.

Una svolta che ora contempla la possibilità di dar vita ad una "Federazione" di partiti e forze politiche centriste. Quattro liste così suddivise: quella dell'Udc, quella di Fli, quella dei fuggitivi del Pdl (Frattini e Pisanu) e quella strettamente "montiana" con il presidente della Ferrari, alcuni ministri "tecnici" come Riccardi e Passera. Tuttavia non è ancora esclusa l’ipotesi di una lista unica. Insomma, i dettagli sono ancora da definire ma i tempi per una discesa in campo sono stretti oramai ed è quasi certo che tra pochi giorni conosceremo il “destino” di Mario Monti.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©