Politica / Politica

Commenta Stampa

Durante il suo discorso a Bruxelles

Monti si autocelebra: “Siamo più popolari di chi non ha fatto riforme”

Il premier rivendica la buona condizione dei conti pubblici

Monti si autocelebra: “Siamo più popolari di chi non ha fatto riforme”
12/10/2012, 10:19

ROMA – E’ soddisfatto Mario Monti dell’operato della sua squadra, lo è tanto che in una conferenza a Bruxelles autocelebra le imprese del Governo.  “Abbiamo pesato in modo che non ha precedenti sui cittadini con le riforme fatte, ma siamo più popolari dei partiti che queste cose non hanno fatto”,  ha detto il Professore.

Poi parlando della fiducia dell’Europa chiarisce che i sacrifici chiesti alle famiglie, alle imprese e ai lavoratori per fare le riforme strutturali e consolidare i bilanci,  devono essere accompagnati da ricompense. “Diversamente – prosegue Monti -  le riforme stesse e la fiducia nell'Europa potrebbero essere messe in discussione, scuotendo le fondamenta della stessa democrazia”.

A sentire il premier con la legge di stabilità, adottata due giorni fa, l'Italia avrà una delle migliori posizioni di bilancio nella zona dell'euro. “Penso che oggi abbiamo l'opportunità di invertire la marea della crisi e evitare la deriva, se agiamo in modo deciso per seguire le decisioni adottate al Consiglio europeo di giugno”.

Consiglio, quest’ultimo, che a sentire Monti è stato un punto di svolta: “Tutti, o quasi tutti - ha detto - sono ora d'accordo sul fatto che la crisi non sia solo responsabilità del comportamento più o meno dissoluto di alcuni singoli Stati membri, ma ha una componente sistemica. Penso che questa sia l'eredità più importante del Consiglio europeo. Il vertice Ue di giugno ha riportato la crescita e l'occupazione al centro della scena nella politica dell'Ue”.

Passa poi al discorso sulle banche il premier italiano: “Una volta che il meccanismo di supervisione bancaria unica sarà stabilito, al fondo salva stati Esm dovrà essere rapidamente data la possibilità di ricapitalizzare direttamente le banche”. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©