Politica / Politica

Commenta Stampa

Mozzarella, Confagricoltura: "a rischio il prodotto così come i consumatori lo conoscono oggi”


Mozzarella, Confagricoltura: 'a rischio il prodotto così come i consumatori lo conoscono oggi”
13/07/2012, 17:07

Le dichiarazioni del direttore del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP confermano quanto denunciato da un numero sempre maggiore di produttori di latte di bufala - afferma Michele Pannullo, Presidente di Confagricoltura Campania. - “Alla luce delle stesse affermazioni del direttore Lucisano, siamo sempre più convinti che le modifiche al disciplinare produttivo proposte dalla struttura consortile rappresentino un concreto pericolo alla qualità ed all’immagine del prodotto”.



“I produttori di latte sono preoccupati – continua Pannullo - che nelle proposte di modifica non venga espressamente escluso l’utilizzo della cagliata congelata, lasciando volutamente e pericolosamente aperte le porte ad un suo “lecito” e non tanto eventuale impiego. E’ peraltro lo stesso Consorzio che conferma, a ben leggere le dichiarazioni del Direttore, come questa sia una situazione possibile. Precisare che la proposta di modifica del disciplinare obbliga, nelle 60 ore dalla mungitura, l’ottenimento della sola cagliata e non anche del prodotto finito ed inoltre sottolineare che la proposta consente l’interruzione del processo produttivo ed il condizionamento della cagliata per offrire la possibilità ai trasformatori di spostare nel tempo la realizzazione di un prodotto venduto come fresco, significa confermare quanto da noi denunciato e cioè la possibilità per i trasformatori di vendere un prodotto per fresco che fresco non è. Per gli impatti sul mercato del latte fresco inoltre non c’è differenza tra cagliata congelata o “opportunamente condizionata per diminuzione della temperatura a valori inferiori a quelli utili per la crescita dei batteri lattici”.



“Confagricoltura – conclude Pannullo – non intende fare guerre di religione contro chicchessia e lascia ben volentieri ad altri l’uso della demagogia. L’azione dei produttori di latte non e’ infatti contro la trasformazione in quanto tale, ma contro quelli che vogliono la volgarizzazione del prodotto a denominazione d’origine protetta (DOP) per esclusivi interessi aziendali. Affermiamo con ogni forza che è invece necessario salvaguardare – a tutela della produzione e del consumatore - quelle caratteristiche tradizionali che hanno fatto della Mozzarella di bufala Campana DOP un presidio economico ed un unicum qualitativo irripetibile nel panorama caseario mondiale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©