Politica / Regione

Commenta Stampa

Serrata dei commercianti di via Caracciolo

Napoli, anche i ristoratori "scioperano"


.

Napoli, anche i ristoratori 'scioperano'
07/12/2010, 16:12

NAPOLI - "La serrata dei ristoranti, bar e chalet del lungomare di Napoli aderenti ai Consorzi “Borgo Partenope” e “Caracciolo Mergellina” vuole essere una provocazione contro le Istituzioni cittadine che, di fatto, senza un progetto di rilancio turistico, si rendono complici di un lento ed inesorabile declino della citta' di Napoli, ormai sommersa dai rifiuti". "Gli imprenditori del lungomare sono stanchi di vedere rappresentata Napoli solo come una discarica a cielo aperto, noi abbiamo il lungomare piu' bello del mondo che abbiamo il dovere di rilanciare e preservare".
E' quanto ha dichiarato in una nota Carmine Bucci, presidente dei Consorzi “Borgo Partenope” e “Caracciolo Mergellina”, le sigle promotrici della protesta, a margine della conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa che si e' svolta questa mattina presso un ristorante del lungomare. "I 34 esercizi pubblici aderenti ai Consorzi rappresentano una parte consistente, se non addirittura l’anima, del turismo partenopeo. In qualsiasi altra citta' del mondo – prosegue Bucci – queste attivita' sarebbero
sostenute dalla pubblica amministrazione, qui sembra quasi che invece siamo noi i nemici da sconfiggere, penalizzati da una burocrazia lenta”. "La serrata, che giovedi' durera' tutta la giornata, da Largo e' la risposta, dura ma civile, a chi
ha non ha mai voluto tendere una mano a quei pubblici esercizi che contribuiscono fortemente ad arricchire l’offerta turistica partenopea e che, oltretutto, tramite l’indotto economico, rappresentano anche una parte consistente del mondo del lavoro cittadino" ha aggiunto Bucci che ha concluso rilanciando i progetti turistici autofinanziati dagli stessi aderenti ai Consorzi: "Abbiamo previsto un servizio di navette da/per parcheggio Brin per evitare la sosta selvaggia delle auto, siamo pronti con un servizio wifi di tutto il lungomare, abbiamo programmato iniziative ed eventi in grado di attrarre turismo oltre ad avere in cantiere un sito internet di informazione turistica dettagliata, con spiegazione storica dei punti di interesse".

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©