Politica / Napoli

Commenta Stampa

Napoli. Bene comune: il Consiglio approva la modifica dello Statuto


Napoli. Bene comune: il Consiglio approva la modifica dello Statuto
22/09/2011, 15:09

Il Consiglio comunale, presieduto da Raimondo Pasquino, si è riunito oggi nel Palazzo di via Verdi, presenti 36 consiglieri. La prima ora di lavori è stata dedicata allo svolgimento dei quesiti dei consiglieri a risposta breve (question time), e in particolare alla richiesta di informazioni dei consiglieri Moretto e Lettieri sull’emergenza rifiuti, e del solo consigliere Moretto sulla manutenzione ordinaria da parte dell’Asia, sull’abbattimento delle barriere architettoniche e le aree di parcheggio riservato ai diversamente abili e le relative autorizzazioni concesse.
In apertura di seduta il Sindaco de Magistris ha preso la parola per informare il Consiglio di alcune modifiche relative alle deleghe degli assessori. In particolare, la delega ai servizi idrici e fognature, conferita all’Assessore Lucarelli, e quella ai rapporti con l’Autorità Portuale, attribuita all’Assessore De Falco, sono state assegnate al Vice Sindaco e Assessore all’Ambiente Sodano. Passaggio di titolarità anche per la delega ai rapporti con le Municipalità, conferita all’Assessore Tuccillo e ora trasferita all’Assessore Lucarelli, e per la competenza in materia di sicurezza abitativa assegnata all’Assessore Donati.
Il Presidente Pasquino ha poi commemorato, su richiesta del consigliere Pace, Pantaleo Aloisio, allievo di Edoardo Caianiello, docente di logica per quarant’anni all’università Federico II, a cui si deve la nascita di una vera e propria scuola di logica,amico e assiduo frequentatore dei maggiori filosofi. Ricordato, dal consigliere Formisano, anche Renato Barisani, pittore e scultore napoletano,classe 1918, figura di spicco del mondo artistico internazionale, scomparso a 93 anni.
Sono seguiti gli interventi dei consiglieri ai sensi dell’art. 37 del Regolamento (Crocetta, Santoro, Capasso, Moretto, Fellico, Attanasio, Fiola, Gennaro Esposito).
Si è quindi proceduto alla votazione per la designazione dei due consiglieri comunali che dovranno far parte della Commissione per l’aggiornamento degli elenchi dei giudici popolari di Corte d’Assise e Corte d’Assise d’Appello. Sono risultati eletti, con 32 voti, il consigliere Beatrice e con 31 voti il consigliere Pace. Sull’ordine dei lavori è intervenuto il consigliere Lanzotti che ha annunciato la non partecipazione delle opposizioni alla votazione.
Passando al secondo punto all’ordine dei lavori - la deliberazione di proposta al Consiglio n. 797/2011, sulla modifica dello Statuto del Comune di Napoli con la previsione della categoria giuridica di bene comune tra le finalità e valori fondamentali dello Statuto - l’Assessore Lucarelli ha illustrato lo spirito della delibera che, proponendo la definizione di bene comune nell’art. 3 dello Statuto, ha l’obiettivo, in piena condivisione con la Commissione consiliare competente, di dare al concetto un contenuto prescrittivo e non meramente programmatico. Un breve dibattito, con gli interventi dei consiglieri Coccia, Grimaldi, Vasquez, Antonio Borriello, Fucito, Beatrice, Iannello, Gennaro Esposito, e la replica dell’Assessore Lucarelli ha preceduto l’approvazione dell’atto, emendata e approvata all’unanimità dei presenti.
L’Assessore Tommasielli ha presentato al Consiglio la delibera n. 809/2011 che prevede l’istituzione del Forum comunale dei diritti e delle pari opportunità per tutti senza distinzioni di sesso, disabilità, opinioni politiche, condizioni personali e sociali. L’organismo, ha spiegato la titolare della delega alle pari opportunità, avrà carattere consultivo e di proposta alla Giunta e al Consiglio, raggrupperà rappresentanti di enti, associazioni, comitati, cooperative, ordini professionali e partiti politici e resterà in carico per la durata del Consiglio. Sulla proposta sono intervenuti i consiglieri Pace, Antonio Borriello, Fiola, Vernetti e Moxedano. Durante l’esame dei primi emendamenti presentati alla delibera, con l’approvazione di tre modifiche e la bocciatura di una quarta proposta, l’Assessore Tommasielli ha annunciato il ritiro della delibera e il rinvio alle commissioni consiliari competenti per un maggiore approfondimento e confronto sui contenuti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©