Politica / Napoli

Commenta Stampa

Napoli. Commissione Lavoro su Mercato Caramanico


Napoli. Commissione Lavoro su Mercato Caramanico
24/04/2012, 14:04

La Commissione Lavoro, presieduta da Antonio Crocetta si è riunita oggi per discutere sul “Futuro del Mercato Caramanico” alla presenza dell’Assessore Marco Esposito, del Presidente Coppola della IV Municipalità e di una rappresentanza di operatori del Mercato Caramanico.
“L’ incontro-ha detto Crocetta- richiesto dal consigliere Lebro, risponde ad una sollecitazione delle parti sociali, dei rappresentanti politici e delle istituzioni.”
Nel suo intervento l’Assessore Esposito ha comunicato che l’Amministrazione, allo stato, non ha preso ancora alcuna decisione sull’ipotesi di una delocalizzazione del Mercato Caramanico, che insiste su di un’area edificabile che rientra nel progetto di riqualificazione del centro Direzionale. Entro due anni si dovrà individuare una diversa area mercatale e tra le alternative è stato ipotizzato il trasferimento nell’area di Piazza Mercato o in quella coperta dell’ex Macello.
Il Presidente Coppola ha espresso grande comprensione del disagio economico che deriverebbe dal trasferimento del Mercato Caramanico e si è dichiarato disponibile per individuare insieme agli operatori commerciali una buona soluzione.
I commercianti del Caramanico hanno ribadito che lo spostamento del mercato comporterebbe una danno economico con chiusura di attività del 30% ed hanno lamentato che l’Amministrezione, per la redazione del Piano Commerciale, non li ha consultati nonostante siano commercianti su aree pubbliche con atti concessori decennali.
Si è aperto un dibattito al quale hanno partecipato, oltre al presidente Crocetta, i consiglieri Lebro, Vernetti, Moretto e Fucito. Tra i temi discussi: la condivisione del percorso per individuare una soluzione che salvaguardi il mercato Caramanico e la necessità di una riqualificazione delle aree mercatali che producono reddito per migliaia di persone; il dissenso ad una speculazione edilizia a discapito del mercato e la progettualità di ampliamento del Centro Direzionale solo dopo un’opera di riqualificazione dello stesso; un impegno per introitare le somme dovute da 60 operatori morosi, eventualmente rateizzandole, per reinserirli nel mondo del lavoro.
Nella replica l’Assessore Esposito ha auspicato una soluzione ampia che impedisca che determinati interessi vadano in conflitto perché c’è un investimento programmato per la riqualificazione del centro Direzionale ed ha escluso la possibilità di chiusura per il Mercato Caramanico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©