Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Napoli, “Conquistiamo la normalità” con Raffaele Di Monda ed il Pin


Napoli, “Conquistiamo la normalità” con Raffaele Di Monda ed il Pin
09/02/2011, 13:02

“Conquistiamo la normalità”, è lo slogan semplice ma con un significato profondo che accompagna Raffaele Di Monda e il suo movimento, il PIN (Programma Innovazione Nazionale), e che si inserisce perfettamente nella complessa realtà napoletana .

Diecimila gli iscritti al gruppo del fare, che vede il suo presidente Raffaele Di monda impegnato da anni in una programmazione capillare, fatta di piccoli passi, ma che hanno lasciato un’ impronta ben visibile, sul territorio cittadino.

Il movimento che sottolinea la sua non appartenenza ad un colore,  abbraccia e sposa la volontà di tanti napoletani, che non hanno ancora gettato la spugna e che sono pronti a battersi in prima linea per un proprio credo e per la riconquista della normalità.

Il Pin organizza il lavoro sull’area urbana, seguendone la suddivisione in municipalità. Un presidente per ogni zona, che lavora sui problemi messi in evidenza dagli abitanti del quartiere. Così il Pin si trova a far fronte a priorità, bisogni diversi, da zona a zona. 

Nel 2008 il movimento, con la partecipazione di alcuni dei fondatori del gruppo, ciascuno rappresentativo di settori professionali, socio- economico, della città, pubblica un libro, il programma del movimento, edito da Guida Editore, “Attiva Napoli Inserisci il P.I.N. - Programma Innovazione Napoli”.
Duecentotredici pagine, una raccolta di proposte di riqualificazione cittadina, comparate con numerose realtà urbane internazionali. Il volume conta sull’ esperienza professionale di alcuni dei componenti del movimento che, per due anni hanno studiato trenta città straniere, analizzandone i punti di forza che le rendono sicure e vivibili. In ogni settore trattato, il testo parte da  un’analisi critica, ma allo stesso tempo propositiva, della realtà attuale dal
punto di vista della legalità e sicurezza, trasporti e viabilità, cultura, urbanistica, economia, ambiente, immigrazione. Il documento analizza le principali risorse della città e individua per ciascun settore modalità concrete per valorizzarle e potenziarle. L’importanza sociale di questo programma consiste nella capacità di indicare la strada comune percorribile da tutti per riconquistare la perduta Normalità, consentire la crescita economica e far risalire Napoli ai primi posti della classifica delle città più moderne, vivibili e funzionali, al pari di tante altre metropoli.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©