Politica / Regione

Commenta Stampa

Napoli: Consiglio approva manovra finanziaria su equilibri di bilancio 2009


Napoli: Consiglio approva manovra finanziaria su equilibri di bilancio 2009
13/10/2009, 17:10

Si è riunito oggi, presieduto alternatamente dal Presidente Leonardo Impegno e dai vice Presidenti Vincenzo Moretto e Vito Lupo, il Consiglio Comunale per completare l’esame delle delibere relative agli equilibri di bilancio. Dopo l’appello, presieduto dal vice Presidente Vincenzo Moretto, e presenti 36 consiglieri su 61, i lavori sono iniziati con l’esame della delibera n. 1509 relativa alla ricognizione dei debiti fuori bilancio manifestatisi a decorrere dal 1 gennaio al 31 agosto 2009. L’atto è stato emendato ed approvato a maggioranza con il voto contrario dei Comunisti Italiani, PDL, Movimento Civico e dei consiglieri Malvano, Fellico e Palomba.
Il secondo punto all’ordine dei lavori, la delibera n.1510 relativa al riconoscimento del debito fuori bilancio manifestatosi fino al 20/9/09 nei confronti di Napoli Servizi s.p.a., era accompagnato da un ordine del giorno presentato dal gruppo Comunisti italiani. Il documento, che “impegna l’Amministrazione ad intraprendere tutte le iniziative necessarie affinchè ai lavoratori della Napoli Servizi venga applicato il Contratto Nazionale di Lavoro della Federambiente” è stato respinto a maggioranza con l’astensione dei consiglieri Schifone, Malvano, UDC, Rifondazione e gruppo Verdi e con il voto favorevole dei consiglieri Gaetano Sannino, Centanni e gruppo PDL. Subito dopo, la delibera n.1510 è stata messa in votazione e approvata a maggioranza con il voto contrario dei gruppi PDL,Unione di Centro e dei consiglieri Gaetano Sannino, Monaco, Malvano e il non voto dei consiglieri Funaro e Venanzoni.
Quattro gli ordini del giorno che accompagnano la delibera n.1511 relativa alla ricognizione sullo stato di attuazione dei Programmi-Equilibri generali di Bilancio per l’esercizio 2009.
Il primo, una mozione a firma del consigliere Moxedano, impegna, tra l’altro, “ Sindaco e Assessore al bilancio a sospendere la delibera n.8 del 28.4.09 relativa alla determinazione del costo del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti con adeguamento delle tariffe TARSU”; ed è accompagnata da un emendamento, a firma del consigliere De Masi, con cui si impegnano Sindaco e Giunta a predisporre, in sede di bilancio di previsione 2010, un regolamento per la determinazione della tariffa con l’esenzione totale o parziale per le fasce più deboli e per la popolazione di Chiaiano. Sul documento si è aperto un dibattito, cui è intervenuto anche il Sindaco. Il consigliere Carotenuto, cui si è associato Funaro, ha chiesto il parere del Segretario Generale sull’ammissibilità e legittimità della mozione, che è stata dichiarata illegittima. Subito dopo il presidente Lupo ha messo in votazione, per appello nominale su richiesta del consigliere Schifone, prima l’emendamento, che stato respinto con 20 no 7 astenuti 8 SI e 3 non voto, e poi la mozione che è stata respinta con 23 no, 1 si , 2 non voto e 5 astenuti.
Approvato all’unanimità il secondo Ordine del giorno, presentato dal gruppo PDL e riformulato dal consigliere Carotenuto, con cui “si chiede la definizione del contratto di servizio con l’Azienda ASIA entro il 31/12/09 e comunque fino a quando l’Amministrazione non abbia compiutamente definito l’ampiezza della commessa ad ASIA Napoli ove il quadro normativo lo consenta.”
Modificato ed approvato con 34 SI e 4 astenuti il terzo ordine del giorno, presentato dal consigliere Ambrosino, con cui,” premesso che vi sono persone e/o associazioni che occupano abusivamente immobili di tipologia ERP e non ERP di proprietà del Comune di Napoli”..omissis, “si impegnano Sindaco e Giunta a rafforzare ulteriormente gli interventi di competenza utili a superare tale stato di cose e a presentare, entro 90gg., una dettagliata relazione in Commissione Patrimonio sullo stato delle cose e delle iniziative intraprese”.
Emendato e approvato all’unanimità il quarto ordine del giorno, una mozione presentata dalle forze di maggioranza, che“impegna il Sindaco e la Giunta a prevedere nei prossimi concorsi pubblici rivolti all’assunzione di personale titoli preferenziali e relativi punteggi per i lavoratori LSU e lavoratori precari a tempo determinato con idonei requisiti professionali che prestano servizio in questa Amministrazione comunale”
Al termine l’Aula ha approvato a maggioranza, col voto contrario del PDL e dei Comunisti italiani, la delibera n.1511 sugli Equilibri generali di Bilancio 2009.
Dopo l’illustrazione da parte dell’Assessore Guida della delibera n. 1154 relativa all’accettazione della proposta di trasferimento delle attrezzature e del patrimonio librario costituenti la dotazione della biblioteca “Giancarlo Mazzacurati” presso il quartiere Bagnoli, da parte dell’Associazione Laboratorio Città Nuova, l’Aula ha approvato all’unanimità l’atto deliberativo e, subito dopo, il Presidente Impegno ha sciolto la seduta.
 
"La manovra degli equilibri di bilancio appena approvata dal Consiglio Comunale di Napoli - ha commentato il consigliereRaffaele Carotenuto - è un buon segno per la maggioranza che sostiene il sindaco Iervolino. Va dato merito all'Assessore alle Risorse Strategiche, Riccardo Realfonzo, di aver condotto con responsabilità istituzionale una discussione non facile ed insidiosa per i conti dell'ente.

Ci sono alcuni segnali in controtendenza come la diminuzione dei debiti fuori bilancio (da 30 a 18 milioni), vi è la sistematizzazione dei rapporti con la società in house Napoli Servizi (rimodulazione della Convenzione e del Contratto), si intraprende senza timidezza la razionalizzazione delle aziende partecipate pubbliche e si rinnova la loro strategicità.

L'azione riformatrice intrapresa dal Sindaco e dall'Assessore Realfonzo deve nutrirsi di altre scelte significative ad esempio come la pubblicizzazione del ciclo idrico integrato e l'allargamento della base degli usufruitori delle prestazioni socio-assistenziali, la fuoriuscita dalla precarietà di lsu e csu, la graduale pedonalizzazione del centro storico, un migliore utilizzo del patrimonio pubblico abitativo.

Infine, l'Amministrazione Comunale ha assunto l'impegno di reperire ulteriori cifre, entro l'attuale esercizio finanziario (2009), così come incessantemente richiesto dalle forze della Sinistra nelle ultime settimane, a favore del fondo per i rimborsi tarsu alle famiglie in difficoltà socio-economiche."

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©