Politica / Regione

Commenta Stampa

I due erano stati sospesi per le condanne ricevute

Napoli: due consiglieri del centrodestra riammessi alla Regione grazie a Berlusconi

Un decreto ad hoc sana le due posizioni

Napoli: due consiglieri del centrodestra riammessi alla Regione grazie a Berlusconi
03/05/2011, 14:05

NAPOLI - La vittoria di Lettieri a Napoli è sempre più in bilico, e allora il Presidente del Consiglio usa tutti i mezzi per far vincere il proprio partito. E così, parte un decreto a firma Silvio Berlusconi per reintegrare nel Consiglio Regionale due persone: Roberto Conte e Alberico Gambino. Entrambi sono stati sospesi, in ossequio al decreto legislativo 267 del 2000, in quanto hanno condanne ancora non passate in giudicato. Conte, eletto nelle liste del partito Alleanza di Popolo, è stato condannato nel 2009 in primo grado a due anni e 8 mesi di reclusione per concorso esterno in associazione di stampo mafioso, per i suoi rapporti - considerati evidentemente non leciti - con esponenti del clan Misso; ma ha presentato appello. Gambino, eletto nel Pdl, invece è stato condannato in primo e secondo grado per peculato, avendo usato con troppa disinvoltura la carta di credito assegnatagli dal Comune di Pagani, in provincia di Salerno. La condanna di primo grado ad un anno e sei mesi è stata ridotta di una ventina di giorni in appello; a luglio ci sarà la sentenza della Cassazione.
Il punto è che entrambi sono ottimi procacciatori di voti: il consigliere Api è stato eletto alla Regione con oltre 10 mila preferenze; Gambino con oltre 20 mila. Magari ci saranno motivi più alti e nobili, dietro questa scelta di emanare un decreto (quindi un provveidmento di urgenza) in piena campagna elettorale. Ma allo stato quello che si vede è solo un tentativo di trovare ulteriori appoggi in termini di voti, per cercare di sostenere un Lettieri che quasi sicuramente passerà al primo turno, ma che potrebbe non riuscire a trovare alleati

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©