Politica / Regione

Commenta Stampa

Incontro per l'Unione Nazionale Mutilati per Servizio

Napoli e la disabilità riunita l’UNMS


.

Napoli e la disabilità riunita l’UNMS
29/01/2010, 15:01

NAPOLI – Si è conclusa oggi l’assemblea annuale dei soci UNMS sezione provinciale di Napoli alla riunione/convegno dal titolo “Napoli e la disabilità” hanno partecipato il presidente nazionale UNMS Alessandro Bucci, Carmine Diez presidente provinciale UNMS e Luciano Passariello consigliere Regione Campania. La presidenza ha sottolineato l’impegno quotidiano di tutti i soci a servizio dell’associazione, non sono mancate all’incontro polemiche sulla condotta politica facendone le spese il consigliere Passariello.
L’Unione Nazionale Mutilati e Invalidi per servizio Istituzionale, con Sede centrale in Roma, raggruppa tutti coloro che alle dipendenze dello Stato e degli Enti locali, territoriali ed istituzionali, hanno riportato mutilazioni ed infermità in servizio e per causa di servizio militare e civile.
I soci sono Carabinieri, militari delle Forze Armate in servizio di leva o permanente, agenti della Polizia di Stato, Guardie di Finanza, agenti di custodia, Guardie forestali, Vigili urbani, Magistrati e tutti i dipendenti della Pubblica Amministrazione, che nell'adempimento del proprio dovere contraggono mutilazioni o invalidità. Ad essi viene corrisposto un trattamento economico (equo indennizzo e/o pensione privilegiata) anche o soltanto con funzione risarcitoria del danno.
Fanno parte dell'Unione, le vedove, gli orfani, i genitori, le sorelle nubili dei caduti in servizio ed i familiari di deceduti per l'aggravarsi delle infermità pensionate, che abbiano avuto i requisiti per il conseguimento della pensione, indiretta o di reversibilità.
Il preminente scopo istituzionale dell'Unione è quello di rappresentare e tutelare gli interessi morali e materiali dei mutilati ed invalidi per servizio e dei familiari dei caduti. Ciò viene conseguito con una serie di interventi che si possono così sintetizzare: consulenza tecnica ed assidua collaborazione in ordine al trattamento pensionistico; avviamento al lavoro: continua azione svolta a far correttamente applicare le disposizioni di legge in materia; particolari concessioni e agevolazioni in campo nazionale e locale; azione informativa per mezzo del periodico bimestrale di categoria "Il Corriere dell'Unione"; pressante e continua attività nel campo legislativo per la promulgazione di leggi in favore della categoria e sollecitazioni adeguate presso le Pubbliche Amministrazioni.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©