Politica / Napoli

Commenta Stampa

Napoli. I parcheggi di interscambio in Commissione Mobilità


Napoli. I parcheggi di interscambio in Commissione Mobilità
15/03/2012, 14:03

E’ settembre la scadenza entro la quale prenderà forma la revisione del Piano Urbano Parcheggi che l’Amministrazione ha messo in campo nello scorso mese di febbraio per adeguare le previsioni del vecchio PUP e armonizzarle con i propri obiettivi di mobilità sostenibile. Intanto sono in via di completamento alcuni dei parcheggi di interscambio che consentiranno di alleggerire ancora di più il traffico automobilistico privato a favore di quello pubblico e su rotaie.
Proprio ai parcheggi di interscambio è stata dedicata la riunione odierna della Commissione Mobilità e Infrastrutture, presieduta da Giovanni Fomisano, con la partecipazione dell’assessora Anna Donati e dei tecnici comunali impegnati sul tema a partire dall’ingegner Pomicino direttore centrale delle Infrastrutture.
Il Presidente Formisano ha esplicitato l’obiettivo della riunione: acquisire date certe sul completamento delle opere in corso, utilizzare al meglio le strutture già esistenti, come il Parcheggio Brin ancora fortemente sottoutilizzato, prefigurare nuovi impianti che accompagnino il processo di trasformazione e ridisegno della città e che, nell’immediato, le consentano anche di far fronte nel migliore dei modi all’afflusso di visitatori previsto per gli eventi che ne rilanceranno il profilo di capitale del Mediterraneo. Il tutto accompagnato dal processo di razionalizzazione del settore della mobilità, che ha nella creazione di un’unica azienda dei trasporti il suo punto di forza, e, soprattutto, da una campagna di comunicazione rivolta ai cittadini capace di suscitare la fiducia degli utenti nelle nuove iniziative e di informare sui risultati che si raggiungono e che spesso non sono valorizzati.
La necessaria verifica di quanto programmato in tema di parcheggi è il lavoro che si sta compiendo, ha comunicato l’assessora Donati, un lavoro che consiste nell’individuazione delle priorità, commisurata alle risorse disponibili e, soprattutto, all’attuazione della strategia della mobilità sostenibile, strategia della quale i parcheggi di interscambio sono un pezzo importantissimo. Complesso, in generale, è il problema della sosta e la sua connessione con il sistema della tariffazione che, ovviamente, per i parcheggi di interscambio, deve essere più conveniente per gli utenti. L’intervento in questo senso deve tener conto da un lato dell’integrazione delle tariffe di trasporto nel sistema Unico e, dall’altro, dello stato di difficoltà economica della Napolipark.
Un quadro della situazione dei parcheggi di interscambio è stato fornito nel dettaglio dall’ingegner Pomicino: risolti i problemi economici nel frattempo sorti, il parcheggio di Pianura (circa 250 posti), interconnesso con la Circumflegrea, sarà consegnato tra 15 giorni; sarà ultimato entro Natale, invece, quello di Bagnoli; a settembre inizieranno i lavori per la riqualificazione del parcheggio Brin per il quale sono disponibili le risorse del vecchio piano parcheggi (circa 2 milioni di euro). E’ in corso, inoltre, la progettazione dei nuovi parcheggi di interscambio di Chiaiano e Scampia – che amplieranno di molto l’interscambio già esistente - mentre si pensa ad un intervento pubblico/privato per la costruzione di un parcheggio di 1000 posti nella zona di Aeroporto – Via Santa Maria del Pianto che, essendo vicino alla tangenziale, alleggerirebbe moltissimo l’afflusso di auto e pullman in città.
I nuovi progetti, in ogni caso, vanno inseriti in un quadro maggiormente coordinato di competenze ed armonizzati, come ha sottolineato il consigliere Carmine Attanasio, con gli interventi in corso e con i progetti di riqualificazione e recupero ambientale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©