Politica / Napoli

Commenta Stampa

Napoli. In Commissione Bilancio incontro con l’Assessore Realfonzo sul prossimo Bilancio di previsione


Napoli. In Commissione Bilancio incontro con l’Assessore Realfonzo sul prossimo Bilancio di previsione
14/01/2012, 10:01

La Commissione Bilancio, presieduta da Elpidio Capasso, ha affrontato oggi una prima discussione di carattere generale sul Bilancio di previsione 2012, discussione che continuerà nel Consiglio Comunale, nelle date già fissate del 20 e del 23 gennaio, sulle linee strategiche di quello che sarà poi il Bilancio di previsione del 2012. Presente alla riunione l’Assessore Realfonzo che ha confermato l’impegno di approvare in Giunta – finita la fase di ascolto e di ricognizione - la delibera di proposta al Consiglio già a fine gennaio. Sarà una manovra molto impegnativa, ha confermato l’Assessore, perché sarà il primo intervento di programmazione dell’Amministrazione che con il Bilancio approvato a luglio scorso, ha finora effettuato soprattutto operazioni di risanamento e di contenimento della spesa anche comunque impegnandosi a mantenere la spesa sociale. Grazie a queste politiche, che si sono accompagnate agli interventi di razionalizzazione – in qualche caso di liquidazione - sulle società partecipate, il Comune ha potuto non sforare il Patto di Stabilità e, gestendo le difficoltà di cassa, riuscire a non chiudere nessuno dei cantieri aperti. Il prossimo bilancio potrà quindi contare su risorse per investimenti e porre le basi per iniziative di sviluppo per la città. Tutto ciò, però, in presenza di una forte incertezza sugli effetti che l’ultima manovra del Governo Monti ha determinato per gli Enti Locali ai quali sono stati sottratti, a causa della crisi, oltre 1 miliardo e 450 milioni di euro.
L’incontro ha visto numerosi interventi dei consiglieri comunali. Tutti – Fucito, Lebro, Santoro, Varriale, Antonio Borriello, Lanzotti, Iannello, Moxedano -, dopo aver apprezzato l’impostazione innovativa data dall’Amministrazione – coinvolgere le istanze del Consiglio nella fase preparatoria del Bilancio – hanno focalizzato la discussione sui punti che, a loro giudizio, possono essere affrontati per una svolta nelle politiche di bilancio. Nell’ordine, sono state sollevate le questioni delle politiche del personale (con riferimento ai pensionamenti e alla possibilità, negata dalle leggi vigenti ai Comuni che hanno già un’alta spesa per il personale, come ha ripetuto l’Assessore Realfonzo, di scorrere le graduatorie dei concorsi); in proposito, Realfonzo ha comunicato che l’Amministrazione sta verificando con il Governo la possibilità di realizzare prepensionamenti (sono circa 4000 i dipendenti con più di 60 anni) e esodi incentivati del personale delle partecipate. Altro argomento affrontato quello del Patrimonio, con l’esigenza di arrivare al più presto ad una definizione della transazione con la società di gestione per sbloccare il piano di dismissione e avviare la manutenzione del patrimonio, e la necessità di ridefinire, anche in vista della scadenza del contratto con la Romeo, la politica del Comune nel settore. La necessità di mantenere un orientamento di equità nella gestione delle tasse e dei tributi comunali è stata molto discussa in relazione soprattutto al fatto che un eventuale aumento delle tariffe debba essere accompagnato dal miglioramento dei servizi erogati e dall’accertamento delle evasioni. Molti dei consiglieri intervenuti hanno sollevato il problema di rispettare gli orientamenti già assunti nei mesi scorsi riguardanti la liquidazione di alcune partecipate in perdita, come le Terme di Agnano e la Stoà, un più deciso intervento di riorganizzazione della società Napoli Servizi ed una accelerazione dell’unificazione delle società di trasporto in una sola azienda della mobilità.
Su tale tema, ha detto in conclusione l’Assessore Realfonzo, ringraziando per i contributi venuti dalla discussione, l’Amministrazione ha avviato in 6 mesi un percorso che andrà avanti ancora con scelte incisive volte alla razionalizzazione ma anche ad impostare, con il coinvolgimento dei privati, politiche di sviluppo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©