Politica / Napoli

Commenta Stampa

Napoli. La Commissione Ambiente sulla disinfestazione, derattizzazione e deblatizzazione della città


Napoli. La Commissione Ambiente sulla disinfestazione, derattizzazione e deblatizzazione della città
12/07/2012, 13:07

La Commissione Ambiente, presieduta da Marco Russo, si è riunita questa mattina per discutere sui programmi di disinfestazione, derattizzazione e deblatizzazione delle strade cittadine. Presenti alla riunione Vincenzo Addario, responsabile Servizio igiene e sanità pubblica del Dipartimento di prevenzione della ASL Napoli 1, Maria Rosaria Martorelli dell’unità operativa di prevenzione del distretto ASL Fuorigrotta Bagnoli e Giuseppe Pulli, coordinatore del Dipartimento ambiente del Comune. In apertura Addario ha illustrato il piano di interventi ordinario messo in campo annualmente dalla Asl a partire dalla metà di aprile alla metà di settembre che prevede la derattizzazione, interventi contro gli insetti alati, la deblattizzazione e gli interventi di pulizia delle scogliere. Le operazioni vengono svolte in collaborazione con una serie di servizi comunali - come il servizio fognature, la polizia municipale, il servizio risorsa mare per le scogliere – il cui apporto è necessario per renderle più efficaci. In alcuni casi gli interventi sono stati, invece, svolti senza la collaborazione dei servizi comunali.
A proposito del problema blatte, Addario ha chiarito che non è un’emergenza relativa solo all’anno in corso, ma si ripresenta già da diversi anni durante il periodo estivo. Per dare una risposta alle preoccupazioni dei cittadini, è stato, comunque, approntato un intervento straordinario a partire dall’inizio di questa settimana che tiene conto delle segnalazioni giunte dalle Municipalità. I dati epidemiologici smentiscono in ogni caso le ipotesi di incremento di malattie infettive, che rientrano negli standard normali.
Per i consiglieri intervenuti è necessaria una sinergia tra Comune e Asl (Schiano) l’attenzione alla pulizia ordinaria delle caditoie, condizione indispensabile per un’efficiente opera di deblattizzazione (Attanasio), una programmazione efficace degli interventi e una maggiore attenzione alle periferie (Fellico e Zimbaldi).
Il coordinatore del Dipartimento ambiente Giuseppe Pulli ha evidenziato le difficoltà legate all’età avanzata degli operatori del servizio fognature e alla loro disomogenea distribuzione tra le varie Municipalità. E’ quindi assolutamente necessario un nuovo modello organizzativo, che accentri una serie di attività e ridistribuisca le risorse umane e finanziarie in base alle necessità, anche rendendo autonomo il servizio di igiene urbana in maniera permanente. Pulli ha annunciato, infine, l’approvazione della delibera con la quale si autorizza l’affiancamento di 50 volontari, che saranno selezionati attraverso un bando, al nucleo specializzato di polizia municipale con compiti legati all’educazione civica e ambientale.
In conclusione il Presidente Russo ha ritenuto positiva la proposta di ottimizzare le risorse esistenti e di programmare soluzioni incisive per evitare la diffusione di nuovi allarmismi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©