Politica / Napoli

Commenta Stampa

Napoli. La Commissione Lavoro incontra il Comitato degli idonei al concorso al Comune di Napoli


Napoli. La Commissione Lavoro incontra il Comitato degli idonei al concorso al Comune di Napoli
25/11/2011, 15:11

Ascoltato oggi, in Commissione Lavoro, presieduta da Antonio Crocetta, un gruppo di rappresentanti del Comitato idonei al Concorso al Comune di Napoli. Costituitosi nel dicembre 2010, all’indomani del completamento dell’iter concorsuale per l’assunzione di 534 unità di personale, suddivise in dieci profili professionali, il comitato si fa portavoce della richiesta di 400 su un totale di 850 idonei di uno scorrimento delle graduatorie per consentire altre assunzioni.
Dopo aver raccolto in un recente incontro con il Sindaco de Magistris e l’Assessore al Personale Tuccillo la disponibilità dell’Amministrazione ad un ulteriore ingresso di personale, a seguito di un’attenta verifica dei vincoli imposti dal patto di stabilità e dal blocco del turn over e dalla disponibilità di nuovi ingressi a seguito dei pensionamenti programmati, il Comitato ha ricordato le esigenze di rafforzamento dell’organico, in particolare per le categorie C e D, più volte rappresentate da settori delicati della macchina comunale, come il Patrimonio, le Risorse finanziarie e la Polizia municipale.
Per i consiglieri presenti all’incontro – Luigi Esposito, Fellico, Moretto – è assolutamente necessario colmare il vuoto di professionalità più elevate per scongiurare il rischio di una sostanziale paralisi in servizi fondamentali dell’Amministrazione dal cui ottimale funzionamento non può prescindersi per garantire un miglioramento delle entrate.
Il presidente Crocetta ha annunciato, al termine, un prossimo incontro con gli Assessori al Lavoro, al Patrimonio e al Bilancio, ai quali sarà nel frattempo inviata la sintesi della seduta di oggi, per verificare ulteriormente, insieme alla Commissione e agli interessati di tutte le categorie degli idonei, le possibilità di scorrimento della graduatoria nei limiti consentiti dalle normative vigenti e dalle risorse disponibili.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©