Politica / Regione

Commenta Stampa

Napoli, La II Municipalità delibera in favore del porta porta


Napoli, La II Municipalità delibera in favore del porta porta
01/04/2011, 15:04

Oggi finalmente, dopo un consiglio municipale monotematico sui rifiuti voluto dai cittadini e andato a vuoto per mancanza di numero legale martedì scorso, la II° municipalità ha approvato un ordine del giorno in favore del porta a porta e del confronto a tutti i livelli sulle proposte alternative in tema di rifiuti.

L'ordine del giorno approvato recepisce la petizione popolare promossa dal Comitato Abitanti Materdei, dai disoccupati di Banchi Nuovi e dai "cittadini Campani per un altro piano rifiuti" per l'avvio della raccolta differenziata porta a porta ed un altro piano rifiuti consegnata dai comitati venerdì scorso e firmata da migliaia di residenti nella II municipalità comprendente tutto il centro storico e i quartieri Avvocata, Montecalvario, Mercato, Pedino e Porto S.Giuseppe.

La delibera approvata questa mattina afferma "che il porta a porta resta il sistema migliore di gestione dei rifiuti, perchè a differenza di altre soluzioni, tutela il territorio e sviluppa nel cittadino un attenzione all'ambiente, alla città e al quartiere" e assume l'impegno da parte della Municipalità a farsi promotrice di un confronto pubblico sulle alternative presso la regione, il Comune, la provincia e i responsabili di ASIA. Infine si incarica della pubblicazione di un "manifesto con le proposte dei "cittadini campani per un piano alternativo dei rifiuti"


Intanto la petizione per il porta a porta ed un altro piano regionale dei rifiuti va avanti negli altri quartieri di Napoli e della provincia e sarà presto consegnata alle autorità comunali competenti.

In vista della manifestazione del 9 Aprile ore 10 P.zza Dante e della nuova crisi rifiuti, in mattinata è stata anche consegnata e protocollata l'ennesima richiesta di incontro ai presidenti di Regione, Comune e Provincia su questi temi ed inviata per conoscenza anche alle autorità europeee competenti che più volte hanno sanzionato l'Italia, a proposito di emergenza rifiuti campana per la mancanza di confronto e partecipazione con i cittadini.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©