Politica / Regione

Commenta Stampa

Napoli, la lotta all’usura comincia sui banchi di scuola


Napoli, la lotta all’usura comincia sui banchi di scuola
29/11/2013, 12:17

NAPOLI - Racket e usura si contrastano anche a partire dai banchi di scuola: con la convinzione che oggi più che mai sia necessaria la nascita di una nuova cultura di cittadinanza economica e della legalità, la Prefettura, la Regione Campania, la Direzione Generale – Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, il Consorzio PattiChiari e l’Ordine Psicologi della Campania, in collaborazione con il Banco di Napoli, danno vita ad un protocollo di intesa per l’avvio di un programma informativo sulla prevenzione dell’usura in tutte le scuole superiori della Provincia di Napoli. L’attuale scenario economico ha messo al centro dell’attenzione il rapporto tra finanza e cittadini e la relazione tra conoscenza economica, responsabilità individuale ed autonomia delle scelte. In questo ambito la sensibilizzazione dei più giovani sulla necessità di sviluppare un corretto rapporto con il denaro e una competenza di base sui meccanismi per gestirlo in modo consapevole per il proprio futuro, si collega fortemente alla prevenzione dei fenomeni di sovraindebitamento e usura, una tipologia di reato che solo nello scorso anno ha riguardato un numero considerevole cittadini campani. Dal sinergico accordo fra i sottoscrittori del protocollo è nato così un nuovo modulo didattico incentrato sull aprevenzione del dfenomeno usura, i cui dettagli tecnici sono stati curati dal Consorzio PattiChiari. L’iniziativa si collocherà nell’ambito del programma “L’impronta Economica Teens”che, grazie all’intervento degli esperti del Banco di Napoli ha coinvolto negli ultimi due anni circa 7.000 studenti di oltre 100 scuole superiori in attività di educazione finanziaria. Durante le lezioni oltre ai temi già affrontati negli anni passati (rapporto con il denaro e la sua gestione, strumenti di pagamento e interazione con la banca, imprenditorialità, pianificazione del proprio futuro economico attraverso il risparmio e la previdenza), si affiancherà il nuovo modulo dedicato ad alcuni aspetti fondamentali del tema dell’indebitamento, quali il controllo del budget personale, i diversi livelli di indebitamento, i tassi di interesse e la differenza tra TAN e TAEG, le misure previste in caso di difficoltà nel far fronte alle situazioni di indebitamento previste dagli istituti di credito e le forme invece di usura che devono essere a tutti i costi evitate. Sarà cura della Prefettura e della Regione assicurare ampio spazio alle informazioni su quanto lo Stato fa in questo campo, con le misure di protezione e assistenza messe a disposizione delle vittime di usura, notizie ancora oggi purtroppo poco conosciute e utilizzate. Il protocollo sulla prevenzione dell’usura nelle scuole superiori della Provincia di Napoli fa parte delle iniziative che pubblico e privato, insieme, hanno intrapreso per costruire anche in Italia questa nuova cultura, già affermata in molti Paesi europei, mirata ad accrescere l’educazione finanziaria di giovani e adulti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©