Politica / Parlamento

Commenta Stampa

NAPOLI: LA SUPERGIUNTA REGIONE-COMUNE SI RIUNISCE, MA TROVA MOLTE CRITICHE


NAPOLI: LA SUPERGIUNTA REGIONE-COMUNE SI RIUNISCE, MA TROVA MOLTE CRITICHE
11/09/2008, 10:09

Ieri si è riunita a Palazzo Santa Lucia, a Napoli, la cosiddetta "Supergiunta", cioè un tavolo di coordinamento tra la Giunta regionale campana e la Giunta comunale di Napoli, per risolvere i problemi di loro competenza in maniera coordinata. Le decisioni prese sono diverse: 280 milioni per la riqualificazione cittadina, lotta agli sprechi, aumento degli autobus in città, aumento del 20% dei vigili urbani, ecc. Ma le obiezioni all'utilità della Supergiunta sono molte. A cominciare da quelle che partono dall'interno della maggioranza, vista l'assenza dell'Assessore regionale al Turismo Velardi, del PD, in disaccordo con alcune scelte dell'Amministrazione regionale; e dell'Assessore Imperlino, per ordine del suo partito, l'Italia dei Valori, contrario all'iniziativa per mancanza di coordinamento tra i partiti della maggioranza. Infatti contro Velardi si sono levate le voci - tra gli altri - dell'Assessore Gabriele (PRC) che ha invitato Velardi a dimettersi, se non intende collaborare. Ma arrivano attacchi a Velardi anche da una voce esterna ai partiti, quale quella di Costanzo Jannotti Pecci, Presidente delle Federterme,che ha accusato l'Assessore al Turismo di dedicare troppo tempo al suo blog e poco al suo lavoro, viste le difficioltà che ha incontrato questa estate il settore di sua competenza.

Contemporaneamente alla riunione della Supergiunta, sotto le finestre di Palazzo Santa Lucia si è svolta una manifestazione a cui hanno partecipato molti consiglieri comunali e regionali del PdL, che contestavano l'operato delle giunte comunale e regionale e ne chiedevano l'azzeramento. Oltre a loro, anche diverse associazioni come l’Associazione Nazionale Nuova Italia: Casa della Legalità, coordinata da Enzo Schiavo, Nuova Agricoltura, con Vincenzo Scola, Porta del Sud, con il portavoce Alfredo Catapano, Nuova Campania ,Azione Sociale, con il coordinatore Enzo Garofalo, Azione Giovani, con il componente dell’Esecutivo Nazionale Carlo De Falco, Pasquale Clemente presidente di Alleanza Europea, Eduardo Marino di Azione Legale Napoli, Giuseppe Di Paolo responsabile di Casa Sociale e Nuova Italia con Rosario Lopa.

Lo stesso Lopa ha rilasciato un comunicato nel quale chiedeva che Regione e Comune, anzichè continuare in una azione che lui ha definito "incapace di fronteggiare il fenomeno dell’'illegalità e denunciare la grave situazione di questi giorni e arginare il fenomeno di degrado sociale", cominciassero a prendere provvedimenti per dare ai cittadini campani un fisco più agile e leggero, sicurezza alla città, maggiori risorse alla ricerca per dare un futuro ai giovani.

Anche Ermanno Russo, consigliere regionale del PdL e Presidente della Commissione speciale di controllo sulle politiche giovanili, disagio sociale e disoccupazione si è espresso in termini estremament negativi, sui risultati di questa riunione, affermando che quello che ne è uscito non va oltre la "normale, normalissima amministrazione" e chiedendo con forza le dimissioni delle Giunte.

Insiste sulle dimissioni anche Domenico Palmieri, consigliere comunale del Nuovo PSI, chiedendosi inoltre - retoricamente - dove fossero state conservate finora le risorse che la Supergiunta promette di stanziare, in termini di autobus, vigili urbani e così via.

Dall'altro lato, politicamente parlando, le proteste dei corsisti ISOLA che liquidano la Supergiunta come espediente mediatico, che conferma la sua incapacità di affrontare i veri problemi di Napoli. In ciò, parlando sia dei problemi nuovi, come la prossima - e quasi certa - chiusura dell'Atitech di Capodichino, che non è compresa nell'accordo di salvataggio di Alitalia; ma anche di quelli vecchi, come la raccolta rifiuti, dopo la collaborazione scarsa o nulla, in un esperimento autoorganizzato di raccolta differenziata porta a porta, di cui viene accusato il Comune che non avrebbe fornito neanche i sacchetti per differenziare i rifiuti e le campane per accumularveli dentro. Sicchè, anche i corsisti ISOLA chiedono più azioni concrete alla Giunta a favore dei cittadini, annunciando una loro manifestazione per oggi, con un corteo in partenza da piazza Mancini; corteo organizzato insieme ad altre associazioni di estrema sinistra e dei centri sociali.
 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©