Politica / Regione

Commenta Stampa

Napoli, l'appello di Pittella agli elettori napoletani per Mario Morcone


Napoli, l'appello di Pittella agli elettori napoletani per Mario Morcone
03/05/2011, 10:05

‘’Napoli ha bisogno alla guida del Comune di un cittadino competente, esperto e integerrimo, di una persona umana e onesta, lontana dai gruppi di interesse leciti e illeciti che condizionano questa citta’, come Mario Morcone’’. Lo scrive in un appello agli elettori napoletani il primo vicepresidente del Parlamento europeo, Gianni Pittella.
''Morcone mette a disposizione della citta’ la lunga esperienza maturate nella pubblica amministrazione del territorio, la sua capacita’ di scegliere e decidere in situazioni difficili, la sua figura di servitore dello Stato impegnato contro le mafie e la malavita. Sara’ finalmente ‘il sindaco delle regole’ che Napoli aspetta, come lui stesso si e’ impegnato a essere. Il compito prioritario che si e’ assunto e’ avvicinare l'amministrazione comunale alla cittadinanza nelle sue espressioni migliori'' prosegue l’europarlamentare del Pd.
‘’Il Partito democratico scegliendo Morcone chiede ai napoletani  di credere nella possibilità di tornare ad essere una città normale, nella capacita’ di provvedere a se stessi senza ricorrere a inutili uomini della provvidenza, con affianco la forza e della serietà quotidiana di una buona amministrazione – sottolinea Pittella - nessun problema che affligge oggi Napoli e’ insormontabile per uno Stato moderno. Questa citta’ ha conosciuto con le amministrazioni di centrosinistra i suoi momenti migliori, nei quali si sono poste le basi di un riscatto sociale, economico, politico concreto. La frammentazione delle competenze tra i vari livelli locali e nazionali, l’approssimazione e la debolezza del governo centrale nell’affrontare con fermezza i problemi del territorio hanno fatto perdere a Napoli anche quella speranza di una nuova primavera e l’hanno riprecipitata in un degrado inaccettabile. Occorre da ciascuno di noi uno scatto di orgoglio, dobbiamo rivendicare a gran voce la nostra dignita’ di cittadino, il proprio diritto alla salute, al lavoro, allo studio, a quella gioia di vivere che abbiamo insegnato al mondo e che oggi ci e’
sottratta: l’Italia aspetta dalla sua capitale del Sud un forte segnale di riscossa morale e politica per tutto il paese’’.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©