Politica / Regione

Commenta Stampa

Napoli: le reazioni dopo lo ‘schiaffo’ del Parlamento


Napoli: le reazioni dopo lo ‘schiaffo’ del Parlamento
04/02/2009, 20:02

''Una inammissibile intromissione del Parlamento nella vita di un Comune''. E' stata dura la reazione di Rosa Iervolino Russo all'approvazione da parte del Parlamento della mozione per lo scioglimento del Comune di Napoli presentata oggi dal Pdl. La Iervolino ha parlato di ''pasticcio istituzionale'', riferendosi anche alla convulsa seduta della Camera in cui il Pdl ha votato contro il parere del governo, sottolineando come la mozione vada contro i principi sanciti dopo la modifica del titolo V della Costituzione ''che ha dato concreta attuazione al principio dell'autonomia di cui all'art. 5 della Costituzione, facendo degli Enti Locali entita' equiordinate e autonome rispetto allo Stato''. Il sindaco di Napoli rivendica quindi fino in fondo l'autonomia dell'ente e fa anche riferimento ai relatori delle due mozioni, Amedeo Laboccetta del Pdl, indagato nell'inchiesta Romeo, la stessa che si e' abbattuta sulla sua giunta costringendola al rimpasto, e Nello Formisano, dell'Idv. Ad accusare i due anche Sarubbi, deputato Pd eletto in Campania, che ricorda le ''imbarazzanti intercettazioni di Formisano con l'ex provveditore Mautone'', emerse nell'ambito dell'indagine sugli appalti di Romeo''. Ma, al di la' delle polemiche personali, arriva anche da Napoli l'eco dell'imbarazzo del Pd che al momento del voto ha lasciato la Camera, insieme ai parlamentari dell'Idv. Un imbarazzo sottolineato dal coordinatore in Campania di An Mario Landolfi secondo cui ''il sindaco Iervolino e la sua giunta sono costretti a prendere atto che il caso Napoli e' diventato imbarazzante anche per il centrosinistra nazionale''. una posizione sposata da Laboccetta che attacca il Pd ''non ha avuto nemmeno il coraggio di sostenere le ragioni del sindaco Iervolino che e' ormai indifendibile'' e chiede le dimissione del sindaco affermando che ''si conclude oggi la vicenda politica di Rosa Russo Iervolino''. Apertamente a difesa del sindaco di Napoli si e' schierato invece Tino Iannuzzi, segretario del Pd Campano, che pure nei mesi scorsi era stato critico con il sindaco durante la bufera Romeo. ''Sul piano politico il sindaco Iervolino, la cui limpidezza e integrita' morale sono indiscutibili, con il recente rimpasto ha aperto una nuova fase nel governo della citta' ed ancora una volta ha ottenuto piena fiducia e sostegno in consiglio comunale, per questo e' pienamente legittimato a proseguire la sua azione ed il Pd la sosterra''', ha detto Iannuzzi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©