Politica / Regione

Commenta Stampa

Conferenza stampa questa mattina con Scajola e Carfagna

Napoli, Ministri in campo per appoggiare Caldoro


.

Napoli, Ministri in campo per appoggiare Caldoro
15/03/2010, 16:03

NAPOLI - Continuano gli Appuntamenti elettorali del candidato presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, questa mattina, conferenza stampa con i ministri Scajola e Carfagna e con il sottosegretario Nicola Cosentino.
Parlando di Sanità in Campania, il ministro per lo Sviluppo Economico Claudio Scajola ha ricordato che "quella della Campania è quella che ha un costo pro capite più alto nel mondo sviluppato e non mi pare che sia la sanità migliore del mondo sviluppato. In questo settore, mi pare, c'é stato uno fallimento". "I conti ultimi ci danno un buco della sanità in Campania di sei miliardi di euro - ha detto ancora il ministro - che sono 12mila miliardi di lire". "Grattando dietro questo fallimento - ha evidenziato sempre Scajola - si scoprono pagine indecorose di gestione del denaro pubblico". Per questo, a giudizio del rappresentare del governo "é necessario riportare ordine nei conti". Scajola ha aggiunto che la ripartizione dei fondi Fas per la Campania, circa 4 miliardi di euro, "avverà con i nuovi amministratori della Regione"
Il sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino "ha subito cose indicibili in questi ultimi anni". parlando della vicenda giudiziaria che riguarda il coordinatore regionale del Pdl, definito dallo stesso Scajola "un martire". Nei confronti di Cosentino la procura della Repubblica di Napoli ha chiesto l'arresto: richiesta accolta dal gip ma respinta dalla Camera dei Deputati. "Noi non vogliamo una giustizia di governo - ha detto ancora Scajola - ma vogliamo una giustizia terza, non vogliamo la giustizia di potere utilizzata come strumento politico".
."Dobbiamo mettere le imprese del Sud in grado di competere con quelle del Nord Italia. Le imprese della Campania sono state soffocate da una burocrazia farraginosa e pesante, dalle tasse più alte e dovendo competere con la criminalità organizzata che ormai è un vero attore economico". E' quanto ha detto il ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna. "Gli imprenditori sono degli eroi - ha aggiunto Carfagna - perché fanno imprese in condizioni avverse. Ma è arrivato il momento di liberarle".
"Io continuo a fare i faccia a faccia in maniera un po' atipica. Continuo a farli senza il candidato del centrosinistra De Luca. Però noi ci confrontiamo in maniera trasparente. E il fatto che gli altri fuggano non è un buon segnale per la democrazia". E’ quanto afferma il candidato presidente della Giunta regionale della Campania, Stefano Caldoro, parlando del confronto saltato oggi con il suo principale avversario. "Io sono pronto a confrontarmi e che il confronto possa saltare ancora per colpa di De Luca è quasi un rituale", ha aggiunto Caldoro ai giornalisti che gli hanno chiesto se ritiene che De Luca sarà presente all'incontro di mercoledì che sarà moderato dall'Ordine dei Giornalisti della Campania. "I cittadini campani stanno ascoltando il nostro appello a superare i quindici di malgoverno del centrosinistra", ha concluso Caldoro. "I ministri in Campania? Sono venuti a fare proposte concrete e non passerelle". "Abbiamo fatto con i ministri proposte di reale cambiamento - ha aggiunto il candidato - il resto sono parole di persone che hanno creato il disastro in questi ultimi 15 anni in Campania".

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©