Politica / Regione

Commenta Stampa

Incontro con l'on.Marusciello a villa Doria D'Angri

Napoli, ripartire investendo sui giovani


.

Napoli, ripartire investendo sui giovani
09/11/2010, 16:11

NAPOLI – Napoletano sì, ma non emigrante. La famosa frase pronunciata da Massimo Troisi nel film “Ricomincio da tre” ha dato l’avvio ai lavori del convegno che si è tenuto ieri a Palazzo Doria D’Angri dal titolo omonimo. Tra i partecipanti, l’assessore regionale all’Istruzione Guido Trombetti e l’onorevole del Pdl Fulvio Martusciello.
Al centro del dibattito, la necessità di tenere alta la bandiera di Napoli, attraverso l’esperienza diretta di alcuni giovani che, pur avendo l’opportunità di spostarsi per lavoro altrove, hanno scelto di rimanere in città. Alberto Portolano, Forita Scognamiglio, Roberto Palma, Francesca Cattolico e Maria Assunta Aveta , questi i nomi dei ragazzi, hanno raccontato le loro esperienze fatte di delusioni e soddisfazioni. Nel corso dell’incontro, Martusciello ha ricordato il successo dell’esperienza del ’93, quando l’attuale capogruppo finiano al Senato, Pasquale Viespoli, conquistò il Comune di Benevento: “La sua lista Partecipazione richiamò l’impegno diretto di tanti giovani cittadini” – ha detto –“ Io sogno una città nella quale i vigili non mettono soltanto ganasce alle auto in divieto di sosta, ma dove tutti, automobilisti e vigili, siano messi in grado di rispettare le regole di un vero piano traffico. Una Napoli dove la manutenzione delle strade sia attività quotidiana e non straordinaria: e soltanto chi conosce le buche delle nostre strade sa cosa significa pretendere una puntuale manutenzione”.
Stessa attenzione, è stata mostrata anche dall’assessore Trombetti, per il quale nessun investimento può tagliare fuori i giovani. Quanto alla probabile candidatura di Martusciello alle primarie, ha risposto: “Sarà il partito a deciderlo”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©