Politica / Napoli

Commenta Stampa

Napoli sociale, de Magistris: "Prosegue la 'rivoluzione partecipate'"


Napoli sociale, de Magistris: 'Prosegue la 'rivoluzione partecipate''
17/11/2011, 15:11

“Prosegue la 'rivoluzione partecipate' nel senso dell'efficienza e del risparmio. Oggi è stata coinvolta la Napoli Sociale SpA, strategica per garantire servizi alle fasce sociali più deboli e a rischio. Le nomine odierne, infatti, rispondono a criteri di trasparenza e merito, non essendo condizionate da interessi lobbistici o di lottizzazione, ma soltanto dalla volontà di servire i cittadini che maggiormente hanno bisogno. Ci aspettiamo dal nuovo organo amministrativo il massimo sforzo di buon governo sotto il profilo della qualità dei servizi erogati e della gestione dei fondi”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris commenta l'esito dell'Assemblea della Società Napoli Sociale SpA, svoltasi questa mattina. Insieme alla Napoli Sociale Spa, si è tenuta anche la riunione della Nausicaa Scpa. Ad entrambe ha partecipato, quale delegato del sindaco, l'Assessore al Bilancio e alle Società Partecipate Riccardo Realfonzo. Nel corso dell'assemblea di Nausicaa Scpa, posseduta in maggioranza dalla Autorità Portuale ed alla quale era stata affidata la progettazione del programma di riqualificazione dell'area portuale di Napoli (Progetto Waterfront), sono stati approvati gli atti finali per la definitiva messa in liquidazione della Società. Nel corso dell'assemblea di Napoli Sociale SpA si è proceduto alla presa d'atto delle dimissioni presentate dal Presidente e dall'Amministratore delegato, si è revocato il terzo amministratore e, di conseguenza, si è proceduto al rinnovo dell'intero organo amministrativo. Presidente della Napoli Sociale S.p.A. è stata nominata una donna, Maria Giovanna Castaldo, avvocato, mediatrice familiare ed esperta di diritti dei minori che sarà affiancata da due consiglieri di amministrazione: Valentino Alaia, ingegnere ed imprenditore e Lucio Seconnino, avvocato amministrativista. Secondo Realfonzo: “Nausicaa è una delle tre società messe in liquidazione. In sostanza chiudiamo una scatola vuota, ottenendo anche il ristoro di alcuni importi, e ci aspettiamo ora che i previsti lavori di sistemazione del porto, che sono in carico all’Autorità Portuale, procedano speditamente. Al nuovo Cda di Napoli Sociale – prosegue l'Assessore - chiediamo di ben amministrare, mettendo in ordine i conti e razionalizando le attività, migliorando soprattutto i servizi ai cittadini più deboli”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©