Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La giornata, in sala consiglio del Comune di Napoli

Napoli, studenti simulano il Parlamento Europeo


.

Napoli, studenti simulano il Parlamento Europeo
12/03/2010, 15:03

NAPOLI - Il presidente del Consiglio comunale di Napoli, Leonardo Impegno, ha aperto oggi nell'Aula consiliare di via Verdi l'assemblea generale degli studenti dei licei 'Tito Lucrezio Caro', 'Don Milani', 'A. Pansini' e 'Vittorio Emanuele II' di Napoli e dei licei 'S.Di Giacomo'di San Sebastiano al Vesuvio e 'Axel Munthe' di Capri, che hanno partecipato alla simulazione del Parlamento Europeo (MEP Model European Parliament). Dopo aver sottolineato l'interesse e l'entusiasmo con cui i ragazzi parteciparono già scorsa edizione del M.E.P. tenutosi in via Verdi, Impegno ha ricordato che questa iniziativa va intesa come "un esercizio di democrazia che riesce a tenere bene insieme contenuti e forme. La democrazia è una pratica, un esercizio, nel quale le regole e le procedure formali servono a rendere possibili i rapporti tra le persone e tra gli interessi". Lodevole per il Presidente del Consiglio comunale anche il tentativo dell'Assemblea di proiettare i ragazzi nella dimensione europea: "c'é bisogno - ha aggiunto Impegno - che si sviluppi ancora di più il sentimento di appartenenza all'unione europea come appartenenza ad uno spazio pubblico comune". In conclusione, Impegno ha ringraziato l'assessore all'Istruzione Rispoli e tutte le persone coinvolte nell'iniziativa del Mep, studenti, insegnanti e volontari. Dopo il saluto iniziale del Presidente del Comitato giovani MEP Napoli Davide Bizjac,che ha presieduto la seduta, l'assessore Gioia Rispoli ha sottolineato l'importanza di guardare all'Europa, rafforzando la solidarietà e la coesione nei contenuti, affinché questo esercizio di democrazia elimini nella scuola discriminanti di origine etnica. Anna Maria Cirillo, presidente del comitato regionale M.E.P. Italia, ha annunciato i prossimi impegni nazionali a Sorrento e internazionali a L'Aja, dove parteciperanno due studenti campani tra i dieci delegati nazionali. Quest'esperienza, ha sottolineato Cirillo, oltre ad essere formativo, ha consentito a molti ragazzi di raggiungere traguardi ambiziosi. L'Assemblea regionale , costituita da dieci Commissioni, è composte da 100 studenti, che hanno sviluppato tematiche pertinenti alle proprie deleghe. Queste le risoluzione affrontate per l'anno 2010: messa al bando delle mine antipersona (Commissione Sicurezza e Difesa); "lo strumento del micro finanziamento per l'occupazione e l'integrazione sociale" (Commissione Occupazione e Affari Sociali); "una possibile strategia europea sui cambiamenti climatici dopo la conferenza di Copenhagen" (Commissione ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare); "il problema dei medicinali falsificati" (Commissione Mercato Interno e Protezione dei Consumatore); "le ferrovie - il problema della sicurezza, dell'interoperabilità e del trasporto merci" (Commissione trasporti e turismo); "gli animali utilizzati a fini scientifici" (Commissione Agricoltura e sviluppo rurale); "una strategia dell'UE per il volontariato" (Commissione Cultura e Istruzione); "uno spazio di libertà do sicurezza e giustizia al servizio dei cittadini - il programma di Stoccolma" (Commissione libertà civili, giustizia e affari interni); "l'immigrazione femminile: il ruolo e le condizioni delle donne migranti nell'Unione Europea" (Commissione Parità Uomo-Donna); "nuovi scenari per l'UE dopo l'entrata in vigore del Trattato di Lisbona: i possibili campi di intervento delle nuove figure istituzionali" (Commissione Affari Costituzionali) che è stata approvata a maggioranza dall'Aula.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©