Politica / Politica

Commenta Stampa

L’appello del Capo dello Stato

Napolitano ai partiti: “Rinnovatevi”

Servono nuove forme di comunicazione e partecipazione

Napolitano ai partiti: “Rinnovatevi”
07/09/2012, 10:50

ROMA – Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, lancia un nuovo appello ai partiti. Chiede un rinnovamento il Capo dello Stato, ma soprattutto di ritrovare lo spirito della loro missione in una dimensione europea. “Devono uscire dalle logiche di mera gestione del potere e lavorare alla revisione dei sistemi di finanziamento dell’attività politica e al rafforzamento delle normative anticorruzione”, specifica Napolitano .

Per il presidente della Repubblica serve più democrazia: “Contro le forme di degenerazione morale – dice  - i partiti devono rimediare lavorando alla loro regolamentazione in senso democratico, secondo l’articolo 49 della Costituzione. Non può esserci democrazia funzionante senza il canale dei partiti”.

Quel che è indispensabile, non solo in Italia ma in Europa, a sentire Napolitano, sono nuove forme di comunicazione e di partecipazione politica. Né si può restringere l’attenzione ai partiti già in campo, ignorando i movimenti nuovi movimenti capaci di raccogliere sul terreno elettorale delusioni e aspirazioni, soprattutto dei giovani. Ma è necessario riacquistare il senso della missione, che i partiti guardino lontano. Di qui la necessità di far scattare una controffensiva europeista. “Abbiamo bisogno di partiti realmente europei - sottolinea Napolitano - sintonizzati e organizzati su scala europea. Chi si rinchiude in una logica esclusivamente protestataria rischia l’irrilevanza”.

E Napolitano avanza anche proposte concrete per l’europeizzazione dei partiti: l’adozione, in vista delle elezioni del 2014 del Parlamento europeo, di una procedura elettorale uniforme e di un sistema che consenta lo scambio di candidature e la presentazione di capilista unici tra Paese e Paese da parte dei grandi partiti europei sono degli esempi.  “Naturalmente tutto ciò – specifica il Capo dello Stato - non deve significare che i partiti debbano perdere il loro radicamento nazionale, ma alla prospettiva di una maggiore integrazione europea non c’è alternativa”.

Immancabile un pensiero per i giovani: “Cercate ogni varco per far sentire le vostre ragioni, per esprimere idee rinnovatrici della politica”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©