Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il 29/11 si discute la mozione di sfiducia per Bondi

Napolitano chiede responsabilità, Berlusconi: "Fiducia o elezioni"


Napolitano chiede responsabilità, Berlusconi: 'Fiducia o elezioni'
17/11/2010, 16:11

ROMA - Ritorna sulla crisi politica, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Lo fa durante la cerimonia di consegna dei riconoscimenti ai cavalieri del lavoro, che si è tenuta presso il Quirinale. Napolitano dice: "Sono soddisfatto per il senso di responsabilità dimostrato ieri da tutte le forze politiche che hanno deciso di dare la precedenza al varo della legge di stabilità. Avremo bisogno di altri segni di questo senso di responsabilità nei tempi a venire".
Dall'altra parte il Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi invece insiste: "O fiducia o voto, aprire la crisi è irresponsabile. Non credo si possa arrivare ad un governo-bis, ne abbiamo bisogno di uno solido e non possiamo contare su chi non garantisce il massimo di lealtà al programma votato dagli elettori. Sono fiducioso. Sarà il giorno che deciderà se l'italia può continuare ad avere quella stabilità che è assolutamente importante per resistere in una crisi che non è ancora passata. Sopporto tutto, io guardo sempre al problema della stabilità italiana. Solo con assoluta irresponsabilità si poteva pensare di mettere in crisi un governo che fino a qualche tempo fà era il più solido e meglio piazzato in Europa, con 100 deputati di maggioranza, 3 anni di legislatura ancora davanti e un presidente del Consiglio primo in Europa per considerazione".
Intanto aumenta la tensione tra Pdl e Pd, dopo la decisione della conferenza dei capigruppo della Camera che ha fissato al 29 novembre la discussione della mozione di sfiducia individuale per il Ministro dei Beni culturali Sandro Bondi. I berlusconiani accusano gli avversari di sabotare l'accordo raggiunto ieri davanti a Napolitano.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©