Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Berlusconi: "Governo forte e duraturo"

Napolitano: consultazioni lampo, si va verso un Governo Amato

Renzi: "Io premier? Improbabile"

Napolitano: consultazioni lampo, si va verso un Governo Amato
23/04/2013, 19:23

ROMA - Consultazioni lampo del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per la formazione del governo. Il capo dello Stato ha cominciato stamani incontrando i presidenti di Senato e Camera Piero Grasso e Laura Boldrini alle 10,30.

«Abbiamo confermato la nostra posizione manifestata tutte queste volte e cioè la necessità che ha il Paese, data la crisi in cui di trova, di un governo forte che possa prendere provvedimenti importanti che non sia di passaggio ma duraturo», ha affermato Silvio Berlusconi al termine del colloquio con Giorgio Napolitano. «Aspettiamo che il presidente decida a chi affidare l'incarico poi, a quel punto, cercheremo di dare il maggior sostegno possibile a chi sarà incaricato», ha aggiunto il Cavaliere. 

Per ora sembra essere Giuliano Amato la strada più perocorribile e gradita soprattutto a Berlusconi. Non si possono certo escludere altre vie ma Amato, spinto molto anche dagli americani, a questo punto sembra quasi cosa fatta.

Intanto l'ipotesi Renzi sembra essere esclusa dallo stesso Sindaco di Firenze: «È l'ipotesi più sorprendente e meno probabile, non credo sia sul tappeto», ha sottolineato Matteo Renzi, entrando alla direzione del Pd. Il sindaco di Firenze è arrivato alla Direzione del Pd accompagnato dai suoi fedelissimi. Tra gli altri il presidente dell'Anci Graziano Delrio e i deputati Luca Lotti, Simona Bonafè e Maria Elena Boschi. «Ho già detto che la mia candidatura è la più sorprendente e la meno probabile», ha poi ribadito Renzi al termine della direzione. 

La scelta del futuro premier da parte del presidente della Repubblica «si esprimerà nel giro davvero di pochissime ore», ha assicurato il presidente del gruppo parlamentare misto della Camera, Pino Pisicchio, esponente del Centro Democratico. Al termine del colloquio con il presidente Napolitano ha detto ai giornalisti di «tenersi pronti ad un percorso molto, molto serrato».

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©