Politica / Politica

Commenta Stampa

Messaggio in ricordo di Massimo d’Antona

Napolitano: crisi angosciante, subito misure occupazione


Nella foto il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
Nella foto il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
21/05/2013, 10:14

ROMA   -  Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano , ha inviato un messaggio  al Segretario Generale della CGIL, Susanna Camusso "e a quanti hanno voluto raccogliersi nel nome e nel ricordo del prof. Massimo d'Antona, a quattordici anni dal vile attentato che lo sottrasse all'affetto dei suoi cari e al suo apprezzato impegno scientifico al fianco delle Istituzioni, volto a delineare un percorso di rinnovamento e di progresso nella legislazione del lavoro".    La "crisi angosciante e drammatica" che vive l'Italia  - ha scritto Napolitano -  "impone alle Istituzioni, alle forze sociali e alle imprese la messa in atto di efficaci soluzioni per rilanciare l'occupazione e lo sviluppo economico e sociale del Paese".   "La preziosa opera del prof. D'Antona, il suo illuminante contributo nella elaborazione di nuove politiche del lavoro attente, in una dimensione europea, alle più aggiornate dinamiche organizzative e di rappresentatività sindacale, rivestono ancor oggi -  ha proseguito - un rilievo centrale, nel contesto di una crisi angosciante e drammatica, che impone alle Istituzioni, alle forze sociali e alle imprese la messa in atto di efficaci soluzioni per rilanciare l'occupazione e lo sviluppo economico e sociale del Paese. Attraverso il ricordo del suo sacrificio si onorano tutti coloro che, con equilibrio e generosità, offrono il loro apporto per rilanciare, nel quadro dei valori costituzionali, l'attenzione al ruolo centrale del mondo del lavoro e sostenere la ricerca e l'innovazione come fattori essenziali della crescita economica e del progresso sociale. Con questi sentimenti e nel rinnovare l'apprezzamento per l'iniziativa, rivolgo il mio commosso pensiero ad Olga, ai figli e a tutti i familiari".

 

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©