Politica / Politica

Commenta Stampa

"Bisogna approvare legge di stabilità e legge elettorale"

Napolitano: "Elezioni in Lombardia, Lazio e Molise il 10 marzo"


Napolitano: 'Elezioni in Lombardia, Lazio e Molise il 10 marzo'
16/11/2012, 19:53

ROMA - Dopo il colloquio avuto con il Presidente del Consiglio Mario Monti, con il Presidente del Senato Renato Schifani e con il Presidente della Camera Gianfranco Fini, il Presidente della Repubblica ha espresso l'auspicia di uno spostamento delle elezioni regionali in Lombardia, Lazio e Molise al 10 marzo, anzichè il 10 febbraio. Lo fa in un comunicato che dice: "La convocazione, che comunque non spetta al presidente della Repubblica, di elezioni per il rinnovo dei Consigli regionali scioltisi in Lazio e Lombardia per crisi politiche e in Molise per giudizio di illegittimità, è regolata da diverse normative regionali, pur dovendosi considerare i principi generali posti dalla sentenza n. 196/2003 della Corte costituzionale e rispecchiatisi nella recente sentenza del Tar Lazio. E' però indubbia, per valutazioni d'interesse generale, l'esigenza di un contestuale svolgimento delle elezioni nelle tre suddette regioni. Si è a tale proposito ritenuta appropriata la data del 10 marzo 2013". 
Napolitano poi aggiunge: "L'esigenza di regole più soddisfacenti per lo svolgimento della competizione politica e a garanzia della stabilità di governo, e le aspettative dei cittadini per un loro effettivo coinvolgimento nella scelta degli eletti in Parlamento, rendono altresì altamente auspicabile la conclusione - invano a più riprese sollecitata dal Presidente della Repubblica - del confronto in atto da molti mesi per una riforma della legge elettorale. Il Capo dello Stato ha richiamato l'orientamento e l'impegno a concordare tale riforma che erano risultati già dagli incontri da lui tenuti alla fine dello scorso mese di gennaio con gli esponenti dei cinque partiti rappresentati in Parlamento"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©