Politica / Politica

Commenta Stampa

Il Presidente della Repubblica esorta a estirpare il marcio

Napolitano: “I partiti non sono il male”


Napolitano: “I partiti non sono il male”
17/04/2012, 12:04

ROMA - I partiti non sono il regno del male, del calcolo particolaristico e della corruzione”. Dice la sua il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano sulla discussione nata in questi giorni rispetto ai finanziamenti ai partiti. Ricorda la figura di Benigno Zaccagnini, nel giorno della sua commemorazione, come esempio da seguire. “E' il momento di trarre respiro e fiducia dall'esempio tra i più alti e limpidi che possiamo ricordare, Benigno Zaccagnini”.
Poi avverte: “Guai a fare di tutte le erbe un fascio a demonizzare i partiti, a rifiutare la politica”. Per il presidente della Repubblica, il marcio va sempre estirpato: “Ha sempre potuto manifestarsi e sempre si deve sradicare – sottolinea - ma anche quando sembra diffondersi e farsi soffocante, non dimentichiamo tutti gli esempi passati e presenti di onestà e serietà politica, di personale disinteresse, di applicazione appassionata ai problemi della comunità. Infine Napolitano esorta al cambiamento, alla mobilitazione per un futuro migliore: “Bisogna cambiare quel che va cambiato, per riformare quel che va riformato, senza ulteriore indugio per trasmettere ai giovani la vocazione alla politica”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©

Correlati