Politica / Politica

Commenta Stampa

"Bisogna dare alla Grecia il tempo necessario"

Napolitano incontra Papoulias. "L'euro è irrinunciabile"


Napolitano incontra Papoulias. 'L'euro è irrinunciabile'
17/09/2012, 19:24

ROMA - Basta con i discorsi antieuropei, bisogna smettere di andare contro la moneta unica. E' quanto ha affermato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha ribadito: "L'euro è una conquista irrinunciabile e noi siamo decisi a salvaguardarla. Non c'è nessun dubbio che la Grecia debba far parte dell'eurozona e dell'Unione Europea". Napolitano ha incontrato oggi il presidente greco Karolos Papoulias. "Vedo troppe oscillazioni sull'impegno europeo verso la Grecia, una serie di alti e bassi, di incertezze hanno finito per elevare il costo che la stessa Unione Europea deve sopportare per accompagnare Atene fuori dalla crisi finanziaria. L'Unione non può negare il suo sostegno e la sua solidarietà a una Grecia che è disposta a sacrifici dolorosi".
Il presidente Napolitano ha detto che la Grecia ha sicuramente le sue responsabilità, ma occorre "prendere atto con compiacimento del fermo intento della Grecia di tenere fede agli impegni sottoscritti con l'Europa, le conseguenze sociali e i sacrifici che la Grecia si è impegnata a rispettare". Gli ha fatto eco il presidente Papoulias che ha parlato della disoccupazione al 25%, che tra i giovani arriva quasi al 50%. "Bisogna seriamente tenere in conto le considerazioni sociali dell'ulteriore inasprimento delle condizioni, dando magari più tempo per affrontare meglio tutte le prove" ha chiarito Papoulias. E' ancora una volta una proroga che chiede la Grecia all'Europa.
Il presidente Napolitano ha messo in guardia dalle conseguenze a cui può portare la crisi economica, alcune delle quali già vissute in prima linea in Grecia: "Le crisi sociali possono essere fonte di gravi tensioni e sconvolgimenti sul piano politico e possono mettere in grave pericolo la democrazia. Mi auguro che questo diventi consapevolezza di tutti i governi e le istituzioni europee. Deve essere evitato un dibattito strisciante sulla permanenza della Grecia nell'Eurozona e nella stessa Unione Europea. Dobbiamo sgombrare il terreno da tutto ciò. La Grecia è componente essenziale della civiltà europea e parte integrante del processo di unificazione. L'Italia è convinta di tutto questo".

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©