Politica / Politica

Commenta Stampa

Napolitano: "Poca fiducia in Europa verso l'Italia"

Per il Capo dello Stato serve l'impegno di tutti

Napolitano: 'Poca fiducia in Europa verso l'Italia'
04/11/2011, 18:11

“L'Italia è al centro di una grave crisi internazionale di fiducia nei suoi confronti e serve l'impegno di tutte le forze politiche per uscirne”, ancora un monito da parte del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Il messaggio arriva questa volta dall’Università Aldo Moro di Bari, dove il Capo dello Stato si è recato in occasione delle celebrazione del 4 novembre. “Siamo al centro dell'attenzione preoccupata delle istituzioni europee e internazionali. Lo si è visto in questi giorni al G20 di Cannes. Gli obbiettivi sottoscritti a Bruxelles dall'Italia il 26 ottobre vanno attuati tempestivamente, puntualizzandoli nei loro termini rimasti generici o controversi”, dice Giorgio Napolitano, che sottolinea quanta sfiducia ci sia in Europa nei confronti del nostro paese.” L'azione di recupero della fiducia che oggi vediamo così scossa nei confronti dell'Italia non può considerarsi compito di una parte sola”, aggiunge il Capo dello Stato, sensibilizzando dunque il dialogo tra le parti politiche. “Affiorano anche qua e là se non pregiudizi antichi o nuovi, giudizi unilaterali e ingenerosi e calcoli insidiosi verso l'Italia ma guai a rispondere con ritorsioni, polemiche e animosità. Tra Paesi amici che sono stati e sono impegnati a costruire l'Europa unita, pacifica e solidale non possono riaccendersi spirali di incomprensione e divisione che nella storia del nostro continente approdarono a spaventosi disastri. All'Italia tocca dare il suo contributo in questo senso e fare al tempo stesso la propria parte anche facendosi una ragione di quella crisi di fiducia di cui ho parlato e traendone tutte le conseguenze. Molto deve cambiare nei comportamenti di tutti i diversi attori della vita pubblica e sociale”, conclude Giorgio Napolitano.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©