Politica / Politica

Commenta Stampa

Il capo dello Stato a Lubiana rassicura l’Europa

Napolitano: “Quadro economico condizionato dallo spread”

“Dai partiti, politiche anticrisi anche dopo il voto”

Napolitano: “Quadro economico condizionato dallo spread”
10/07/2012, 16:07

LUBIANA - Il quadro economico subisce dei condizionamenti dallo spread, ma ora c’è la speranza che il quadro migliori dopo il Consiglio europeo di giugno e comunque l’euro è una “conquista irrinunciabile”. Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al termine dell’incontro con il presidente sloveno, Danilo Turk. Il capo dello Stato ha sottolineato che le ricadute dello spread “sono concrete, perché dobbiamo sborsare miliardi e miliardi in più. Dunque è un elemento molto condizionante, ma ci auguriamo che il quadro possa essere più favorevole dopo il Consiglio europeo di fine giugno”. Per Napolitano l’eurozona sta attraversando un periodo di crisi finanziaria e dei debiti sovrani che tocca “la sfera della moneta unica, e sono convinto – ha detto - resti una grande e irrinunciabile conquista della costruzione europea”.
Dopo la lettera di ieri a Fini e Schifani sulla necessità di un’imminente riforma elettorale, il capo dello Stato torna dunque sulla questione e sui suoi possibili sviluppi futuri, rassicurando l’Europa. L’Italia, indipendentemente dai contrasti interni fra i partiti, dalle riforme che la aspettano e dalla futura compagine governativa, non ha intenzione di abbassare il tiro sul fronte delle politiche anticrisi. “La politica italiana - ha detto - è un’entità un pò complicata. Se parliamo di partiti, in questo momento vediamo che tre di quelli più importanti convergono sul sostegno alle politiche del Governo Monti, con distinguo e riserve ma anche con contributi propositivi; mentre altre forze sono su linee completamente diverse”. E si è quindi detto convinto che i partiti, qualunque sarà l’esito del voto, proseguiranno sui tre pilastri fondamentali delle politiche dell’attuale esecutivo: integrazione europea, risanamento e crescita”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©