Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Presidente all'Anci per le innovazioni "inderogabili"

Napolitano: sì a riforme, evitando scontri politici


Napolitano: sì a riforme, evitando scontri politici
22/10/2009, 18:10

ROMA – Il presidente Giorgio Napolitano torna ancora una volta sul discorso delle riforme, e lo fa cercando di attenuare gli scontri tra le fazioni politiche in una situazione dove sembra essere tornata di moda la politica ‘caciarona’ degli anni scorsi. Il Presidente parlando ai rappresentanti dell’Anci, ha sottolineato che ormai le riforme istituzionali sono inderogabili, auspicando che gli enti locali si mettano al servizio di questa causa anche per evitare “contrapposizioni pregiudiziali”.
“Occorre, - ha spiegato Napolitano, - completare le riforme istituzionali rivedendo anche l’architettura istituzionale del Paese”. “Vorrei il Senato non sottovalutasse l’importanza del ruolo che si è immaginato per esso quale Camera di rappresentanza delle autonomie”, ha continuato il Presidente, spiegando che “non è un declassamento”. La rivoluzione nel campo delle istituzioni dovrà toccare anche “i rami più bassi”, semplificando i compiti e le funzioni di regioni e provincie, in un settore dove “c’è un indubbio sovraccarico”. Napolitano ha rivolto un invito anche ai Comuni maggiori articolati in circoscrizioni, dove il problema è ancora più presente in quanto ci sono funzioni retribuite. Per il Capo dello Stato occorre rivedere, semplificare, chiarire, “perché non c’è solo troppo nel campo normativo ma c’è anche del confuso”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©