Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il presidente della Repubblica ha consegnato i premi De Sica

Napolitano: "Senza cultura non c'è sviluppo"


Napolitano: 'Senza cultura non c'è sviluppo'
23/11/2010, 12:11

ROMA - ''Non troveremo le nuove vie per il nostro sviluppo economico e sociale attraverso una mortificazione della risorsa di cui l'Italia e' piu' ricca: la risorsa cultura nella sua accezione unitaria'', ha dichiarato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano durante la consegna dei premi De Sica al Quirinale.
Il Capo dello Stato inoltre ha sottolineato la necessità di una riflessione sui problemi del finanziamento pubblico dello spettacolo ma allo stesso tempo ha ricordato che "dobbiamo fare i conti con una riduzione, cui non possiamo sfuggire, del nostro debito pubblico".
Secondo Napolitano la crisi economica internazionale "ci impone di ripensare molte cose in Italia e in Europa, anche per come siamo cresciuti finora, spesso al di sopra delle nostre possibilità nei paesi ricchi, ricchi nel contesto mondiale, per quanto segnati a loro interno da squilibri e iniquità".
Il Capo dello Stato ha ricordato l'assenza alla cerimonia dell'Ente Teatrale italiano a causa della sua inspiegabile soppressione. Presente alla consegna dei premi anche il ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi che ha detto di essere impegnato per il cinema affinchè venga incentivato. Sono state dure invece le sue dichiarazioni nei confronti dell'Eti, Ente Teatrale italiano, soppresso dal governo. "Sopprimerlo è stato una misura giusta. Ci siamo fatti carico per il teatro di affidarlo alla società civile. E' stato il caso del Quirino, sarà così anche per il Duse di Bologna e la Pergola di Firenze e infine per il Valle di Roma", ha detto.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©